L’etichetta “Amazon’s Choice” raccomanda prodotti falsi o non sicuri, secondo un’indagine “WSJ”

Europapress.es 23.12.19

Logo Amazon – HOLGER HOLLEMANN / DPA – FILE

Il colosso dell’e-commerce Amazon applica la sua etichetta “Amazon’s Choice” ad alcuni prodotti che non sono sicuri, sono etichettati erroneamente o violano le proprie politiche, secondo un’indagine preparata dal quotidiano “Wall Street Journal” (“WSJ”).

In particolare, il quotidiano statunitense specifica che l’etichetta appare su dozzine di prodotti che sono stati vietati, che non soddisfano gli standard di sicurezza o che presentano certificazioni di falsa sicurezza e che sono stati persino applicati a sostanze controllate, come steroidi o prodotti a base di marijuana .

Aggiunge inoltre che in altri casi gli elenchi “Amazon’s Choice” sono stati manipolati con parole chiave specifiche che avrebbero assicurato che fossero inclusi nel motore delle raccomandazioni.

Il “WSJ” ha scoperto che alcuni commercianti che utilizzano la piattaforma Amazon hanno sviluppato modi per giocare con algoritmi che aiutano a determinare quali prodotti vengono presentati, spingendo i consumatori ad acquistare un articolo, aumentando artificialmente le vendite e facendo Sembri più popolare.

Il giornale, che indica che i rappresentanti di Amazon non hanno risposto alla tua richiesta di informazioni, ricordano che la società ha introdotto questo servizio nel 2015 come un modo per suggerire prodotti agli utenti che hanno effettuato acquisti tramite il loro assistente vocale Alexa.

La società ha dichiarato che questa etichetta apparirà accanto ad articoli selezionati con un punteggio elevato o un buon prezzo, ma sono stati condivisi pochi dettagli su come Amazon sceglie i prodotti inclusi.

Negli ultimi mesi, analisi come quella di “WSJ” o quelle preparate da “Buzzfeed”, che indicavano che questa etichetta promuoveva articoli difettosi o inferiori, o dalla “CNBC”, che indicava che includeva prodotti alimentari scaduti, hanno sollevato Domande su questo servizio.

Lo scorso agosto, i senatori statunitensi Bob Menendez e Richard Blumenthal hanno scritto una lettera al CEO di Amazon, Jeff Bezos, chiedendo maggiori dettagli su come funziona questo programma.