I segreti politici e amorevoli dell’Elysium

SILVIA AYUSO elpais.com 4.1.20

Lo storico Jean Garrigues fa un giro nella lunga lista di scandali sessuali di presidenti e leader francesi

Nicolas Sarkozy e Carla Bruni, a Parigi nel settembre 2019. MARC PIASECKI GETTY IMAGES

Visti con prospettiva, i pasticci amorevoli degli ultimi presidenti della Francia che all’epoca riempivano le coperte, dalla famiglia segreta di François Mitterrand ai molteplici amanti di Jacques Chira c, passando per il divorzio e le nuove nozze , in pieno mandato, del conservatore Nicolas Sarkozy o le fughe per vedere il suo amante immortalato dai paparazzi del socialista François Hollande , sono peccata minuta se confrontati con quelli con i suoi predecessori. La sua relazioneavrebbero provocato le risate di buona parte degli ex inquilini dell’Eliseo, un palazzo, ora sede presidenziale, costellato di scandali di gonne sin dalla sua costruzione, all’inizio del XVIII secolo.

Sebbene lo abbia eretto con i soldi di sua moglie, Marie-Anne Crozat, figlia di un banchiere con cui il conte di Évreux si sposò per la sua fortuna, la giovane moglie un tempo salì sul sontuoso palazzo, il giorno della sua inaugurazione a dicembre del 1720. Quella stessa notte, Henri de La Tour d’Auvergne, il nobile ma povero conte di Évreux, si stabilì nella “più bella casa di svago nei dintorni di Parigi”, come all’epoca veniva chiamato l’Eliseo, con Il suo amante anche aristocratico, la duchessa di Lesdiguières. Alla morte del conte, nel 1753, l’Eliseo fu acquisito da un altro personaggio non meno controverso della storia francese, Jeanne-Antoinette Poisson, Madame de Pompadour , l’amante prediletta di Luigi XV.

Ma le sontuose pareti del palazzo non avevano ancora visto tutto. Il 16 febbraio 1899, Felix Faure, presidente della Francia, morì nella sede di Elysium circondata da moglie e figlia, vittima di una “congestione cerebrale” … o giù di lì la versione ufficiale, responsabile del trucco il fatto che Faure avesse subito un attacco in pieno incontro d’amore con il suo giovane amante nella sala d’argento, uno dei più iconici del palazzo presidenziale e dove pochi decenni prima Napoleone firmò la sua abdicazione.

Julie Gayet e François Hollande, a maggio 2019. JEAN CATUFFE GETTY IMAGES

Tutto ciò è raccontato in dettaglio in Una storia erotica dell’Eliseo, dal Pompadour ai paparazzi . Quest’ultimo libro – da una lunga lista – sugli scandali sessuali testimoniati dall’Eliseo non è stato scritto da nessuno nel mondo del cuore, nemmeno dalla stampa francese. È firmato da Jean Garrigues, storico e presidente della commissione per la storia parlamentare e politica. Al telefono, riconosce che quando gli è stato proposto di raccontare queste storie ha esitato. Questo tema “fa parte degli aspetti privati del servizio pubblico e può essere interessante non appena ci dice qualcosa su un’epoca o sui personaggi che ci hanno governato”, spiega. Ma fu lo stesso ragionamento che alla fine lo convinse della comodità di scrivere sull’erotico dell’Eliseo.

“Non si tratta solo di aneddoti, di una malsana curiosità. Chiarisce la personalità di coloro che arrivano al potere, riguardo al loro modo di concepire la seduzione, ma anche le battaglie, le conquiste, il modo di vedere la società, la vita e, soprattutto, il loro modo di concepire il potere. Almeno fino a quando Nicolas Sarkozy non esisteva una concezione molto monarchica, era onnipotenza, che credere che un presidente potesse fare tutto e permettere tutto.

Allo stesso tempo, “chiarisce anche le pratiche di un’epoca, l’evoluzione della mentalità, in particolare nel rapporto tra uomini e donne, il modo in cui consideriamo la seduzione, la coppia … tutto ciò che è molto interessante sul piano sociologico, Dice molto sul personaggio politico stesso e anche su una società a livello globale nei suoi occhi sul rapporto uomo-donna. ”

Anne Pingeot e sua figlia Mazarine – amante e figlia segreta del presidente Mitterrand – al suo funerale nel 1996. PATRICK ROBERTS GETTY IMAGES

In effetti, ricorda Garrigues, sulle vere circostanze della morte di Felix Faure “c’erano alcuni articoli sulla stampa, ma la maggior parte dei giornali o non ne parlava o lo faceva in un modo quasi divertente, ma per niente in tono di condanna o riprovazione, ma piuttosto comprensione. ”

Qualcosa che sarebbe impossibile oggi, né che ci fosse tolleranza o collusione dell’era Mitterrand, che per anni non ha avuto nessuno che rivelasse di avere una figlia segreta . O il suo predecessore, Valéry Giscard d’Estaing, di cui, ricorda Garrigues, fece circolare numerose voci su infedeltà e le sue famose uscite notturne, soprattutto dopo “l’incidente del latte”, quando, arrivando all’Eliseo al volante di un’auto Sport, nel 1974, il presidente si sarebbe scontrato con un camion di trasporto del latte.

“Il modo in cui Giscard, Mitterrand o Chirac – che ci dice che la notte in cui Lady Di è morta a Parigi era ilocalizzabile perché era con la sua amante, l’attrice Claudia Cardinale – vivevano il loro amore o la loro vita intima oggi sarebbe assolutamente impossibile” , osserva Garrigues, indicando, da un lato, la “sovrinformazione” e i social network. Ma ora c’è anche “un’intolleranza dell’opinione pubblica: proprio come i cittadini tollerano sempre meno derive finanziarie o politiche, chiedono anche una sorta di trasparenza, integrità nella vita privata” dei loro leader. Ciò che a volte porta agli estremi, come, ricordiamo, è successo con le voci su una presunta omosessualità secondo cui l’attuale inquilino dell’Eliseo, Emmanuel  MacronFu costretto a negare quando stava facendo una campagna.