L’apertura del mercato cinese stimola l’appetito dei manager

Bastien Bouchaud lesechos.fr 7.1.20

Amundi lancerà una joint venture cinese di gestione patrimoniale con Bank of China nel 2020, mentre BlackRock sta lavorando con il fondo sovrano di Singapore, Temasek e China Construction Bank per lanciare una società di gestione patrimoniale.

Guerra commerciale o no, i gestori patrimoniali si affrettano a trovare un posto in Cina.

LIAO XUN / Getty Images

Guerra commerciale o no, i gestori patrimoniali si affrettano a trovare un posto in Cina. Perché Pechino ha gradualmente portato avanti le sue riforme per aprire i suoi mercati finanziari, aprendo la possibilità per le società finanziarie straniere di diventare la maggioranza in alcune delle loro joint venture nel paese.

Amundi è pronto

Il campione francese di gestione patrimoniale, Amundi, intende accelerare nel paese nel 2020. La società di gestione ha annunciato a fine dicembre di aver ottenuto le autorizzazioni normative al lancio di una joint venture di gestione con la controllata di gestione patrimoniale di Bank of China. Amundi sarà la maggioranza, mentre il gruppo possiede solo il 33% della sua attuale joint venture con la Agricultural Bank of China. 

Il gruppo francese deve  rilanciare in Cina dopo aver subito oltre 13 miliardi di euro di deflussi nel paese durante i primi nove mesi del 2019. Una delusione legata a “l’evoluzione del contesto normativo”, spiega il società di gestione. “Il progetto di creare una joint venture tra Amundi e BOC Wealth Management e la partnership a lungo termine con Bank of China consentiranno ad Amundi di aggiungere un nuovo pilastro alla sua strategia di sviluppo in Cina e di beneficiare di solide relazioni commerciali con una delle principali banche in Cina “, ha dichiarato Yves Perrier, CEO di Amundi.

BlackRock in agguato

I giganti americani della gestione patrimoniale non devono essere superati. BlackRock, che domina il settore con quasi 7 trilioni di dollari in attività, sta lavorando con il fondo sovrano di Singapore, Temasek, e la China Construction Bank per lanciare una joint venture di gestione patrimoniale. BlackRock e Temasek dovrebbero ottenere la maggioranza delle azioni, secondo una fonte vicina al manager americano che conferma le informazioni da Bloomberg. Sarebbe la prima joint venture cinese nel suo genere per BlackRock.

La Cina rappresenta un  mercato strategico per il manager americano. Alla fine del 2018, solo circa il 7% delle sue produzioni proveniva dalla regione Asia-Pacifico. Larry Fink, l’emblematico capo di Black Rock, ha ricordato lo scorso aprile l’importanza di questo mercato per la crescita organica del gruppo. E il gigante della gestione patrimoniale è atteso a sua volta dagli investitori. La società è tra le più apprezzate del settore e con un aumento della sua quota di circa il 28% nel 2019, ha fatto leggermente peggio dell’S & P 500 e non ha ancora trovato i suoi prezzi più alti all’inizio del 2018.

Tuttavia, i manager che scommettono sulla Cina dovranno affrontare una forte concorrenza. Oltre ad Amundi, UBS, JPMorgan e Nomura hanno già ottenuto le autorizzazioni normative per il lancio delle proprie joint venture cinesi.

Bastien Bouchaud