Il dipinto trovato per caso in Italia è autenticato come Klimt

lefigaro.fr 17.1.20

Mentre i lavoratori stavano diserbo, il lavoro fu scoperto dietro uno strato di edera che ricopriva il muro esterno della galleria dove la tela fu rubata nel 1997.

Il dipinto è stato autenticato come opera del pittore Gustav Klimt. POLIZIA DI STATO / via REUTERS

Ora è certo. La tela, nascosta in una parete della galleria dove era scomparso in Emilia-Romagna, è davvero un dipinto di Gustav Klimt rubato nel 1997. “È con grande emozione che posso dirti che il dipinto trovato è autentico ”, ha spiegato venerdì Ornella Chicca, magistrato incaricato delle indagini, nelle osservazioni riportate dall’AFP.

Il dipinto, ritratto di una giovane donna realizzata nel 1917 dal pittore simbolista, è stato trovato a dicembre mentre gli operai stavano eseguendo diserbo sulle pareti esterne della galleria Ricci Oddi a Plaisance. Liberandosi dell’edera, si imbatterono in un piccolo portello all’interno del quale trovarono un sacco della spazzatura contenente il lavoro.

La polizia dice che i ladri hanno usato una lenza per sganciare il capolavoro dal muro e issarlo fuori dalla galleria attraverso una finestra sul tetto di vetro, dove hanno abbandonato la cornice. Un contraffatto, spedito a un politico caduto, è stato sequestrato dalle autorità un mese dopo il furto, aggiungendo al mistero della scomparsa.

Un “doppio” Klimt

Al momento della scoperta, l’assistente alla Cultura del piacere ha dichiarato di essere estremamente sorpreso di apprendere che la tela era nascosta nelle pareti della galleria, specificando che l’edificio era stato perquisito con un pettine fine dopo il furto. “Il dipinto è in ottime condizioni. È strano pensare che sia stato nascosto in un muro, vicino al terreno dietro la vegetazione per 22 anni “, ha aggiunto Jonathan Papamarengh. Secondo lui, la pittura di Klimt è la seconda opera d’arte mancata più popolare sul mercato dopo che Caravaggio è stato rubato da una chiesa siciliana nel 1969.

Prima della sua scomparsa, uno studente d’arte si rese conto che la pittura di Klimt era stata eseguita su un’altra opera che si pensava fosse scomparsa: il ritratto di una giovane donna, di cui non avevamo notizie dal 1912 – diventando l’unico “doppio Klimt” conosciuto nel mondo dell’arte.