Gabriel come sorvegliante della Deutsche Bank- Per grazia del Qatar

Tim Bartz spiegel.de 24.1.20

Difficilmente a causa della sua esperienza nel mondo finanziario, Sigmar Gabriel è diventato supervisore presso Deutsche Bank. I contatti dell’ex politico sono più importanti e la grande influenza dell’emirato del Qatar sul gruppo.

Icon: vergrößern

Sigmar Gabriel il 4 luglio 2017 a Doha (Qatar) con l’emiro dello stato del Qatar, lo sceicco Tamim bin Hamad bin Khalifa Al Thani Dohar: l’azionista più potente della banca viene dal Qatar Michael Gottschalk / DPA

Si può solo sperare che questa volta Deutsche Bank abbia informato tempestivamente le autorità di vigilanza su chi porterà al proprio consiglio di vigilanza. Il gruppo finanziario ha legalmente nominato Sigmar Gabriel , ex leader SPD e ministro degli affari economici e degli affari esteri,  come membro del comitato di controllo . Alla prossima assemblea generale annuale, dovrebbe candidarsi alle elezioni per gli azionisti.

Si trasferì per il banchiere svizzero Jürg Zeltner, che aveva fallito con le autorità di vigilanza perché era anche capo del gruppo bancario lussemburghese KBL e Deutsche Bank non aveva prestato sufficiente attenzione a questo conflitto di interessi. Ciò non dovrebbe accadere a lei con Gabriel, i conflitti di interesse attraverso altri mandati non sono riconoscibili.

Qualche mese fa, Gabriel, che era stato Primo Ministro della Bassa Sassonia come consiglio di sorveglianza della VW, aveva respinto la carica presidenziale presso l’Associazione dell’industria automobilistica (VDA) – “dopo attenta considerazione e per altri compiti”, come veniva allora chiamato. Non è chiaro se stesse già negoziando con Deutsche Bank e il suo azionista più potente del Qatar. I Qatar hanno una partecipazione sostanziale sia in VW che in Deutsche Bank, dove detengono l’8% delle azioni, più di qualsiasi altro investitore. Nulla va contro il Frankfurter contro la loro volontà.

Il governo federale è stato inaugurato

Ora il cerchio si chiude: martedì sera, secondo le informazioni di SPIEGEL, il capo della VW Herbert Diess e il capo della Deutsche Bank Christian Sewing hanno incontrato circa 50 investitori, principalmente della regione araba, a una cena esclusiva nel villaggio di montagna svizzero di Davos, ai margini del World Economic Forum , 

I due top manager hanno dovuto tenere una lezione su come vogliono far combattere le loro aziende con diversi problemi a galla. Diess ha chiari vantaggi rispetto a Sewing, la vasta ristrutturazione di cui Deutsche Bank non sta davvero dando frutti. Con Sigmar Gabriel, i Qatariani stanno nuovamente inviando un rappresentante al Consiglio di Sorveglianza dopo Zeltner per guardare Sewing sulle dita. È stato inoltre inaugurato il governo federale: secondo le informazioni SPIEGEL, il segretario di stato Jörg Kukies ha incontrato il presidente del consiglio di sorveglianza Paul Achleitner e Sewing a Davos.

Il politico di razza di Goslar ha un’esperienza limitata nel settore bancario. Dal 2005 al 2009 è stato membro del consiglio di amministrazione della banca di sviluppo dello stato del KfW e, a volte, ha guidato l’organismo. Pertanto, è praticamente impossibile che un giorno diventerà presidente del consiglio di sorveglianza di Deutsche Bank – anche se il presidente Achleitner è ormai in calo per la maggior parte degli investitori. 

Dal punto di vista di Deutsche Bank, Gabriel ha almeno due vantaggi: ha buoni contatti internazionali dal suo tempo come ministro degli Esteri. Questo è importante perché ora più che mai, le società finanziarie fanno affidamento su buoni rapporti con autorità di regolamentazione e politica. Deutsche Bank ha ancora qualcosa da fare in questo settore.

Buona linea con Frank Brsirske

Il secondo vantaggio è il libro delle feste di Gabriel. Come ex presidente SPD, conosce molto bene Frank Bsirske . L’ex capo del sindacato dei servizi Ver.di è stato membro del Consiglio di vigilanza di Deutsche Bank per molti anni ed è stato finora coinvolto in tutte le decisioni fondamentali prese dal Gruppo, sia in senso positivo che negativo.

È visto come la forza trainante del Consiglio di vigilanza contro una fusione con Commerzbank , di cui i due istituti avevano discusso all’inizio del 2019. Bsirske non è stato in grado di tagliare decine di migliaia di posti di lavoro nel prossimo futuro. Ora la direzione di Deutsche Bank può sperare che Gabriel possa contenere la prossima volta Bsirske e i rappresentanti dei dipendenti nel consiglio di sorveglianza. 

Teoricamente, il contrario può anche accadere se Gabriel invade il lato capitale con i dipendenti. Come rappresentante del maggiore azionista, ci sono poche possibilità che Gabriel riscopra improvvisamente il suo cuore per i dipendenti del Consiglio di vigilanza di Deutsche Bank. Chiunque conosca i Qatariani sa che richiedono seguaci. Gabriel dovrà consegnarli da ora in poi.

Nota del redattore: in una versione precedente Gabriel era erroneamente indicato come l’ex presidente del consiglio di sorveglianza della VW e suggeriva di conoscere già il Qatar da quel momento. Abbiamo corretto il passaggio pertinente.