Il gruppo Swatch ha un problema più grande

Nicole Rütti nzz.ch 30.1.20

Gli ultimi dati commerciali di Swatch Group mostrano che la società di orologi non soffre solo dei disordini politici a Hong Kong. I problemi sono più profondi.Il gruppo Swatch ha guadagnato molto meno l’anno scorso.

Il gruppo Swatch ha guadagnato molto meno l'anno scorso.


Il gruppo Swatch ha guadagnato molto meno l'anno scorso.
Il gruppo Swatch ha guadagnato molto meno l’anno scorso.
Pascal Lauener / Reuters


Il CEO Nick Hayek ha promesso ai suoi investitori una buona crescita in primavera. 
E la presentazione dei dati annuali pubblicati giovedì è raddoppiata: il gruppo si è sviluppato molto bene nel 2019 nonostante le incertezze politiche e un ambiente valutario ancora negativo. 
In borsa, tuttavia, ciò è visto diversamente: le azioni del gruppo sono diminuite di oltre il 4% giovedì. 
Negli ultimi due anni, le azioni del gruppo Swatch hanno perso circa il 40% in valore. 
Per la prima volta in tre anni, il fatturato del gruppo è diminuito del 2,7%, attestandosi a 8,2 miliardi di franchi: il gruppo Swatch ha perso quote di mercato in quanto l’industria è cresciuta in termini di esportazioni di orologi nell’ultimo anno. 
L’utile operativo e l’utile netto sono diminuiti rispettivamente dell’11% e del 14%
Virus della corona senza conseguenze importanti
Secondo Hayek, ciò è dovuto principalmente al calo delle vendite a Hong Kong. 
Sarebbero ammontati a 200 milioni di franchi solo nella seconda metà dell’anno. 
Dopo le manifestazioni e le rivolte di Hong Kong, sempre meno turisti hanno viaggiato verso la metropoli dello shopping e i negozi dell’importante mercato delle vendite sono rimasti chiusi per diversi giorni a causa dei disordini. 
Escludendo Hong Kong, tuttavia, sia le vendite a tassi di cambio costanti sia i profitti operativi sono aumentati nella seconda metà dell’anno, secondo il comunicato stampa. 
La crescita era avvenuta in tutti gli altri mercati. 
Secondo il CEO Hayek, le vendite nelle valute locali negli Stati Uniti, in Giappone, Europa e Dubai sono cresciute a tassi a doppia cifra.
E le previsioni per il 2020 sono di nuovo sicure. 
Ancora una volta, è prevista una crescita sana. 
Allo stesso tempo, viene fatto riferimento a un “momento speciale”, vale a dire i Giochi olimpici estivi in ​​Giappone, in cui il marchio Omega potrebbe “presentarsi in modo univoco”. 
Prima dello scoppio del virus corona, è stato ipotizzato un aumento delle vendite tra il 5 e il 7% (basato su tassi di cambio costanti) per il 2020, afferma Hayek nella conversazione telefonica. 
A suo avviso, non si prevedono effetti importanti a causa della nuova malattia virale emergente. 
Attingendo all’esperienza dell’infezione respiratoria di Sar dilagante diciassette anni fa, non prevede un impatto negativo più duraturo. 
A suo avviso, il virus corona caricherà la situazione nei prossimi uno o due mesi. 
Dopodiché, soprattutto in Cina, ci si può aspettare un effetto di recupero. 
Di conseguenza, il gruppo Swatch non vede alcun motivo per discostarsi dalle previsioni ottimistiche. 
Tuttavia, è improbabile che la malattia infettiva e la limitata libertà di viaggio della popolazione cinese manchino il gruppo: i consumatori cinesi continuano a generare circa il 50% delle vendite della società di orologi.
Hayek è fiducioso per la crescente dinamica del trading online. 
Ad esempio, le vendite del marchio Swatch nei volumi di e-commerce sono cresciute del 25% al ​​mese negli Stati Uniti da ottobre – sebbene il 10% dei negozi al dettaglio Swatch abbia chiuso lì. 
In Cina, anche il business online si sta sviluppando positivamente. 
Gli orologi dei segmenti di prezzo inferiore e medio come Tissot o Swatch ne hanno beneficiato in particolare.
Allo stesso tempo, il Gruppo ha ridotto la propria rete di vendita di 60 negozi nell’ultimo anno e ha ridotto la forza lavoro di 1.000 persone. 
Oltre alle chiusure di negozi a Hong Kong e negli Stati Uniti, ciò è dovuto anche alla scadenza dei contratti con Calvin Klein. 
Ma non c’è motivo di lavorare a breve nel gruppo, afferma Hayek, perché la domanda è “molto buona in tutto il mondo”.
Il segmento di prezzo più basso è perso
Tuttavia, ciò non può nascondere il fatto che il gruppo Swatch è alle prese con importanti problemi strutturali. 
Gli orologi svizzeri nella fascia di prezzo inferiore e media hanno affrontato per anni un numero di pezzi in rapida diminuzione. 
Il fatto che le esportazioni basate sul valore siano state comunque in grado di aumentare nell’ultimo anno è dovuto esclusivamente alla buona domanda per gli orologi più costosi con un prezzo al dettaglio di almeno 6000 CHF. 
Il segmento inferiore soffre della concorrenza degli smartwatch. 
Anche l’esitante entrata nel trading online sta prendendo piede.
Oliver Müller, che gestisce LuxeConsult, una società di consulenza specializzata in orologi di lusso, ha recentemente spiegato quanto sia drammatica la situazione nel “Handelszeitung”. 
Secondo l’esperto dell’orologeria, l’industria orologiera svizzera ha ampiamente perso il segmento di prezzo più basso. 
Marchi come Swatch, che in precedenza avrebbe venduto 10, 12 milioni di orologi in questo segmento, ora vendono circa 2 milioni. 
Numerosi marchi di orologi svizzeri sono diventati insignificanti, mentre i marchi indiani e cinesi sono cresciuti enormemente, spiega Müller in un’intervista.