Credit Suisse: Thiam si dimette, Gottstein diventa nuovo CEO

nzz.ch 7.2.20


Credit Suisse: Thiam si dimette, Gottstein diventa nuovo CEO

aggiornato07.02.2020, 07.25 a.m.sentirericordarestamparequota

Dal 14 febbraio: Tidjane Thiam.
Dal 14 febbraio: Tidjane Thiam.
Dal 14 febbraio: Tidjane Thiam. 
med. Tidjane Thiam si dimette dalla carica di CEO del Credit Suisse. 
Ciò emerge da un comunicato stampa della banca venerdì. 
Il Consiglio di amministrazione ha nominato all’unanimità Thomas Gottstein come successore. 

La separazione avviene di comune accordo. 
“Ho concordato con il consiglio di amministrazione che lascerò la banca”, ha detto Thiam citando il messaggio. 
Il top manager francese è stato recentemente sottoposto a forti pressioni a causa della cosiddetta vicenda Khan. 
Si dice che il CEO abbia commissionato indirettamente un’agenzia investigativa per monitorare l’allora gestore patrimoniale, Iqbal Khan, un addebito che Thiam continua a negare. 
Nonostante il danno immenso che ne deriva alla sua reputazione, Urs Rohner, presidente del consiglio di amministrazione del Credit Suisse, ringrazia Thiam per il suo “enorme contributo”. 
L’amministratore delegato ora dimissionario aveva attuato una nuova direzione strategica, ridotto i rischi, promosso la diversità e “raggiunto un livello straordinariamente elevato di cooperazione tra le diverse aree”. La banca è ben posizionata. 
Thiam lascerà il Credit Suisse il 14 febbraio, dopo la presentazione dei risultati per l’intero anno. 
Sarà ereditato da Thomas Gottstein, responsabile del mercato interno svizzero come membro del Comitato esecutivo dal 2015. 
Altro a venire. 
Dal 14 febbraio: Tidjane Thiam.
Dal 14 febbraio: Tidjane Thiam.