15 anni di Google Maps: come un’azienda virtualizza il mondo

. Larissa Holzki Katharina Kort Roman Tyborski handelsblatt.com 8.2.20

Google Maps è una delle poche applicazioni digitali indispensabile anche dopo 15 anni ed è ancora in fase di sviluppo.  Fonte: AFP

servizio di mappatura

Google Maps è una delle poche applicazioni digitali indispensabile anche dopo 15 anni ed è ancora in fase di sviluppo.(Foto: AFP)

New York, Düsseldorf Come sempre, Google sa quando Oguz Yilmaz era in un ristorante e gli chiede come gli è piaciuto. Questa volta, Yilmaz premia cinque stelle: “Come vegano, è bello avere una scelta completamente libera”, scrive. Il nativo di Colonia ha rilasciato i dati sulla posizione del suo smartphone al gruppo e si è anche registrato come “Guida locale”. Vuole contribuire attivamente a migliorare ulteriormente Google Maps, come uno dei 120 milioni di volontari in tutto il mondo.

In passato, il mondo era mappato nelle zone di altitudine e vegetazione. Oggi c’è molto di più: Google ha iniziato il suo servizio di mappe Maps 15 anni fa per costruire un’immagine digitale del mondo – con immagini satellitari, dati pubblici, foto di strade, dati di movimento e input come quelli di Yilmaz.

Ora il passo verso una nuova dimensione è imminente: il capo di Google Sundar Pichai vede un futuro in cui il suo servizio cartografico collega il mondo alla virtualità: vede spuntare menu vegetariani nel campo visivo delle persone quando passano davanti ai ristoranti, ha detto in uno Intervista per il compleanno del servizio di carte.

I modelli e le tecnologie aziendali possono essere basati sui dati. La società di consulenza McKinsey stima che il volume di mercato delle carte ad alta risoluzione raggiungerà 1,8 miliardi di dollari entro il 2030. Le entrate con i servizi correlati raggiungeranno 1,5 miliardi di dollari nello stesso periodo. Un mercato di enorme importanza che Google domina e potrebbe subentrare del tutto.

Oggi Google sa quasi tutto di quasi tutti i luoghi del mondo . Chiunque cerchi un ristorante vegano a Colonia-Kalk usando uno smartphone ora può scoprire come ottenere la spazzatura chic e che può “prendere un po ‘di tempo la sera”, come riporta Yilmaz. In media, il ristorante ha 4.6 stelle su 5 delle presto 700 recensioni. È più visitato alle 20:00 Di solito le persone trascorrono da 1 a 2,5 ore lì.

Google collega tali informazioni sui luoghi ai dati degli utenti. Gli analisti stimano che più di un miliardo di persone accedano alle mappe almeno una volta al mese. La combinazione di dati personali e generali è la base della maggior parte dei modelli e delle soluzioni aziendali nel 21 ° secolo.

Lo smartphone cambia tutto

Google Maps è una delle poche applicazioni digitali indispensabile anche dopo 15 anni ed è ancora in fase di sviluppo. Tutto è iniziato con tre società che Google ha acquistato insieme: un servizio di imaging satellitare, una società che ha sviluppato mappe digitali e istruzioni sul percorso e una start-up che ha registrato i dati sul traffico. Google ha unito le competenze delle tre società in un’unica applicazione e ne ha creato Google Maps nel 2005, a quel tempo per il PC desktop.

Nei primi giorni, gli sviluppatori hanno affrontato la questione di dove posizionare il pulsante di stampa in modo che gli utenti potessero portare con sé la descrizione del percorso. Quando il servizio di carte è apparso per la prima volta su uno smartphone come app il 28 novembre 2007, il pulsante della stampante è stato presto dimenticato.

Da questo punto in poi, i loro smartphone sono diventati un dispositivo di navigazione per gli utenti. Nessuno aveva più bisogno di atlanti e navigatori mobili di TomTom e Garmin . La rivoluzione più grande, tuttavia, fu sperimentata per la prima volta solo da Google: i geodati potevano essere collegati ai dati di movimento dei sensori GPS negli smartphone.

Google Maps contribuisce in modo significativo alla valutazione

Google è stato recentemente valutato in $ 1 trilione in borsa . È una delle aziende più preziose al mondo. E la quota di Google Maps in questo non deve essere sottovalutata: senza i geodati, i risultati del motore di ricerca centrale non sarebbero mai così buoni.

Ciò che le persone inseriscono in Google è un segreto dell’azienda. Si presume, tuttavia, che il 46 percento delle query di ricerca siano locali. Se gli utenti sono alla ricerca di pub, supermercati o laghi balneabili, li stanno cercando nella loro zona. Il motore di ricerca può fornire risultati significativi solo se collega i dati della tua posizione ai risultati della ricerca.

Google celebra il compleanno di Maps di conseguenza in grande. La compagnia ha invitato i giornalisti a New York a sperimentare vecchie e nuove funzioni del servizio cartografico in un viaggio digitale in tutto il mondo. Allo stand di New Orleans, un fan del jazz mostra come trovare i migliori locali musicali e condividerli con gli amici. A Tokyo, imparano da Google Maps come pronunciare l’indirizzo dell’hotel in giapponese.

Mentre Google Maps semplifica la vita agli utenti privati, le aziende stanno diventando sempre più dipendenti. Se non riesci a trovarti su Google Maps, non ci sei per molte persone.

Secondo Google, oltre cinque milioni di siti Web e app attivi utilizzano i prodotti Google Maps ogni settimana. Ad esempio, le aziende incorporano le mappe di Google nei loro siti Web in modo che i visitatori possano trovarle.

Ogni mese, Google Maps collega gli utenti alle aziende più di nove miliardi di volte: tre miliardi di utenti sono stati indirizzati verso le aziende, un miliardo ha selezionato il numero di una società da Maps da chiamare lì. E la dipendenza va ben oltre la rilevabilità e le valutazioni.

In uno studio della società di consulenza IT Strategy Analytics, gli autori scrivono che i servizi di localizzazione come Google Maps sono un elemento chiave per poter offrire nuovi tipi di servizi di mobilità come il car sharing. Il driver statunitense Lyft, ad esempio, utilizza le mappe di Google.

Durante il tour mondiale del compleanno di Google Maps a New York, una giovane donna spiega accanto a un taxi giallo dipinto come l’app può prevedere il traffico per il giorno a venire e che informerà presto i passeggeri della metropolitana su quanto caldo o Fa freddo nei carri, sia che ci sia personale di sicurezza a bordo, accesso per sedie a rotelle o, come in Giappone, un carro extra per donne. Google riceve molte di queste informazioni dagli utenti che dicono a Google Maps, ad esempio, se vedono la sicurezza a bordo o come si sentono riguardo alla temperatura.

Il servizio di carte esiste da 15 anni.  Fonte: dpa

Google Maps

Il servizio di carte esiste da 15 anni.(Foto: dpa)

I mezzi di trasporto del futuro come auto robot e taxi di volo non sarebbero concepibili senza dati sulla posizione e sui movimenti. “I dati non sono solo la base per la navigazione, ma anche per servizi come avvisi sugli ingorghi, segnalazioni di pericolo e, in futuro, anche per la guida autonoma”, afferma Kersten Heineke, partner di McKinsey, responsabile di problemi di mobilità presso la società di consulenza. “I servizi di carte sono la base per un’intera gamma di nuove applicazioni.” Google sta quindi sfruttando numerose innovazioni tecnologiche.

Tuttavia, altre società non l’hanno visto arrivare fino a quando Google non è entrato nella cabina di pilotaggio con “Android Auto” nel 2015. Con questo servizio, i conducenti potrebbero collegare il proprio smartphone al sistema di infotainment del veicolo e utilizzare Google Maps anziché i dispositivi di navigazione integrati.

All’improvviso un intero settore si rese conto che un motore di ricerca poteva estrarre dai propri veicoli i dati di cui avrebbero avuto bisogno per sviluppi futuri. W give pochi mesi dopo comprati Audi, BMW e Daimler per mappare Qui il servizio del telefono cellulare in difficoltà gigante Nokia . Il servizio valeva quasi tre miliardi di euro.

Gli ostacoli all’ingresso nel mercato delle carte sono immensi, afferma Heineke, esperto di McKinsey. “Ci vuole un grande investimento iniziale per creare mappe, seguito da elevati costi di gestione per mantenere le mappe aggiornate ed espandersi”. Apple afferma di aver speso diversi miliardi di dollari per sviluppare e migliorare Apple Maps.

Con l’avvento dell’intelligenza artificiale, la velocità con cui Google Maps si sta sviluppando si sta moltiplicando. Gli algoritmi ora disegnano automaticamente le mappe degli edifici sulle mappe. “Nel 2019, abbiamo aggiunto altrettanti edifici alle mappe con l’apprendimento automatico come negli ultimi dieci anni in precedenza”, ha recentemente dichiarato agli analisti il CEO di Google Sundar Pichai quando ha annunciato il numero annuale dell’alfabeto .

Qui come chiave per l’indipendenza

Ciò che Google ha in serbo per il suo tesoro di dati GEO può essere solo parzialmente indovinato. Nel laboratorio di ricerca X della società madre di Google Alphabet , i dipendenti Waymo lavorano su auto a guida autonoma e le persone di Wing lavorano su droni autonomi. E il fondatore di Google Larry Page investe nella start-up Kitty Hawk, che è la prima a lanciare un taxi semi-autonomo. Non è certo se queste visioni possano mai essere implementate.

Ecco la chiave per l’indipendenza delle case automobilistiche. “Quando parli con Google, hai l’opportunità di utilizzare i prodotti Google, che alla fine aiutano Google a sviluppare il proprio business basato sulla pubblicità”, ha dichiarato Giovanni Lanfranchi, CTO di Here. Il consorzio delle carte, d’altra parte, non si occupa di monetizzare le proprie relazioni con i clienti finali.

Google ha da tempo conquistato il mercato dei clienti privati. Qui non prova nemmeno a competere contro il gigante della Silicon Valley in questo campo. Il consorzio di carte si rivolge a clienti industriali, in particolare del settore dei trasporti e della logistica.

E c’è un’altra possibilità: “Google Maps è il leader negli smartphone, ma sembra diverso con le mappe delle auto”, afferma l’esperto Heineke. “I clienti privati ​​utilizzano spesso Google Maps per la navigazione, le aziende automobilistiche utilizzano attualmente Here e TomTom .”

Qui, secondo le sue stesse dichiarazioni, offre ai clienti, partner e sviluppatori l’accesso ai prodotti, che a loro volta possono sviluppare ulteriormente la propria attività. In futuro, il servizio di carte Here potrebbe rendere possibile il tracciamento della merce e la consegna dei pacchi tramite drone. Non è stato ancora deciso chi vincerà il duello per il mercato B2B.

Google ha ancora tutte le ragioni per festeggiare. Il Gruppo è leader indiscusso nel mercato delle soluzioni per clienti privati. Ad esempio, con l’ultima funzione Live View: uno sguardo attraverso la telecamera mostra agli utenti la direzione in cui si trova una determinata posizione, in modo che non debbano girare tre volte e spostarsi di alcuni passi in una direzione fino a quando non si orientano sulla mappa può. La funzione è resa possibile dall’intelligenza artificiale, che confronta la realtà con le immagini memorizzate.

Nel frattempo , un artista berlinese ha suscitato risate in tutto il mondo : con un carretto pieno di 99 smartphone, ha corso su un ponte e afferma di aver simulato un ingorgo su Google Maps. Il messaggio: l’immagine digitale del mondo di Google non corrisponde sempre alla realtà.