La Renault pagherà il suo nuovo capo meglio di Carlos Ghosn

0602743988069_web_tete.jpg

Il direttore italiano Luca de Meo, che assumerà l’incarico di amministratore delegato della Renault il 1 ° luglio, avrà diritto a un importo fisso di 1,3 milioni di euro all’anno pagabili “in dodici rate mensili” (REUTERS / Renault)Di Enrique Moreira lesechos.fr 10.2.20

Secondo un documento messo online dal produttore francese, il nuovo capo della Renault, Lucas de Meo, sarà pagato meglio dei suoi predecessori. Carlos Ghosn, che ha accumulato remunerazioni presso Nissan e Mitsubishi, ha toccato molto di più in totale.

Lo stipendio dei dirigenti Renault è ancora una questione delicata per la casa automobilistica francese. Luca de Meo, il suo nuovo amministratore delegato  nominato il 28 gennaio, dovrebbe essere pagato meglio dei suoi due predecessori, Thierry Boloré e … Carlos Ghosn.

Infatti, l’ex capo di Seat (Gruppo Volkswagen), che entrerà in carica a luglio, riceverà un compenso fisso annuo di 1,3 milioni di euro “pagabile in dodici rate mensili”, secondo un documento pubblicato online dal produttore. francese.

Fino a 5,85 milioni di euro

Ma in totale, il leader italiano potrebbe ricevere fino a 5,85 milioni di euro all’anno. E questo, innanzitutto, grazie a una variabile annuale pari a un “massimo del 150% della compensazione fissa annuale secondo criteri quantitativi e qualitativi”, specifica questo documento. In tal caso, tale remunerazione variabile ammonterebbe a un massimo di 1,95 milioni di euro.

La Renault inizia un nuovo capitolo della sua storia con Luca de Meo

Luca de Meo è stato aggiunto che la Renault ha fatto il bracconaggio sulla scena internazionale un “compenso variabile a lungo termine”. Si tratta di 75.000 quote di performance, subordinate “al raggiungimento di criteri di performance valutati su un periodo cumulativo di tre anni e ad una condizione di presenza di tre anni dalla data di assegnazione”. Se queste condizioni sono soddisfatte, e in base al prezzo delle azioni Renault attualmente, ciò rappresenterebbe un potenziale guadagno di 2,6 milioni di euro, al prezzo di chiusura di venerdì, o 35,06 euro.

Più di Carlos Ghosn

Se il nuovo capo della Renault segna tutte le caselle del suo contratto, riceverà un indennizzo equivalente al compenso medio dei capi del CAC 40 nel 2019 ma verrà pagato meglio del suo predecessore, Carlos Ghosn. Infatti, dopo aver concordato nel 2018 di ridurre il proprio stipendio del 30%, in particolare sotto la pressione dello stato azionista della Renault del 15%, l’ex dirigente ha ricevuto una mancia massima di 4,7 milioni.

Renault-Nissan: stipendio di Carlos Ghosn, eterno argomento di polemiche

Ma il CEO che ha combinato le funzioni di Nissan e Mitsubishi Motors ha raggiunto un fatturato complessivo di  oltre 15 milioni di euro all’anno.

Quanto costa per Thierry Bolloré 

Secondo AFP, citando una fonte che ha familiarità con la questione, Luca de Meo avrebbe comunque “accettato di abbassare il suo compenso fisso più variabile” per lasciare Seat e venire in Renault. Nonostante ciò, il nuovo brand manager del Losange sarà pagato molto meglio di Thierry Bolloré. A quest’ultimo, dopo aver preso la ruota dell’ex Régie nel bel mezzo di una tempesta dopo l’arresto di Carlos Ghosn in Giappone, sono stati assegnati 900.000 euro fissi. A ciò è stata aggiunta una parte variabile fino al 125% di questo importo, oltre a 50.000 quote di performance.

Thierry Bolloré è rimasto in carica solo per otto mesi e mezzo, il consiglio di amministrazione ha annunciato la sua partenza affrettata nell’ottobre 2019. L’ex direttore riceverà quindi, per l’esercizio 2019, solo 652.000 euro di stipendio fisso lordo, secondo un documento pubblicato sul sito Renault. Il pagamento della sua variabile (815.000 euro) e delle sue azioni (5.520) sarà deciso dal consiglio di amministrazione dopo la pubblicazione dei risultati annuali per il 2019, questo venerdì 14 febbraio.

Enrique Moreira