F1: Grand Prix cinese rinviato a causa del coronavirus

lesechos.fr 12.2.20

d5309f8dd2de991ed8e45d496048543ca9aa3227.jpg

Il circuito di Shanghai F1 visto dagli stand, 14 aprile 2019 (WANG ZHAO)

Il Gran Premio di Formula 1 cinese, originariamente previsto per il 19 aprile a Shanghai, è stato rinviato per una data non specificata a causa dell’epidemia di coronavirus, ufficialmente nota come Covid-19, ha annunciato mercoledì la Federazione internazionale automobilistica. (FIA).

Il GP cinese doveva essere il 4 ° round del campionato mondiale di F1, che inizia il 15 marzo con il GP australiano a Melbourne. Doveva essere preceduto dal GP del Vietnam, organizzato per la prima volta in questo paese, il 5 aprile.

La FIA ha dichiarato che la decisione è stata presa su richiesta degli organizzatori del Grand Prix e delle autorità sportive cinesi e che “la salute e la sicurezza delle squadre di F1, dei partecipanti al campionato mondiale e dei tifosi rimangono le preoccupazioni principali”.

La FIA sta studiando con il promotore, i funzionari della F1 e le autorità cinesi “la possibilità di una data alternativa per il Grand Prix più scambi nell’anno e in base all’evoluzione della situazione”.

Il Covid-19 ha già ucciso oltre 1.100 persone in Cina, dove quasi tutte le morti sono avvenute nella provincia di Hubei, la culla del contagio, di cui Wuhan è la capitale. Il GP doveva svolgersi a Shanghai, oltre 800 chilometri a ovest di Wuhan.

Al di fuori della Cina, comprese le regioni autonome di Macao e Hong Kong, sono stati confermati quasi 500 casi di contaminazione in circa 30 paesi e territori.

A causa di questo rinvio, ci sarà un periodo di quasi un mese senza una gara di F1 tra il GP del Vietnam e il GP dei Paesi Bassi il 3 maggio. Il calendario del campionato del mondo si trova per il momento ridotto a 21 eventi.