$ 5 trilioni spazzati via dagli stock mondiali nel crollo più veloce della storia

zerohedge.com 28.2.20

Il crollo delle azioni globali ha spazzato via più di $ 5 trilioni di valore, o equivalente al PIL annuo quasi giapponese. 

Giovedì pomeriggio, Scott Minerd di Guggenheim ha dichiarato: “Questa è forse la  cosa peggiore che abbia mai visto in carriera … è difficile immaginare uno scenario in cui è possibile contenere la minaccia del virus”, aggiungendo che “Europa e Cina probabilmente sono già in recessione e il PIL USA subirà un colpo dell’1,5-2,0% “. 

“Il mercato azionario potrebbe essere in calo del 15-20% … e probabilmente forzerebbe la mano della Fed.”

Bloomberg TV@BloombergTV

Guggenheim’s Scott Minerd says the coronavirus crisis is possibly the worst thing he’s ever seen in his career: “This has the potential to reel into something extremely serious”

Embedded video

370Twitter Ads info and privacy254 people are talking about this

MSCI ACWI è un indice ponderato per la capitalizzazione di mercato con ampia esposizione del mercato azionario in tutto il mondo, precipitato del 10% negli ultimi cinque giorni, il suo calo maggiore da agosto 2011 …

Il Dow Jones ha appena visto il suo crollo più veloce da un picco di tutti i tempi dal 1928, proprio davanti alla Grande Depressione.

E l’S & P 500 ha subito il suo tuffo da picco a correzione più veloce di sempre …

Forse registrare alte valutazioni sono insostenibili dopo tutto …

Per quanto riguarda lo sforzo disperato del Not QE della Federal Reserve per sostenere il mercato azionario lo scorso autunno, tutti i guadagni azionari sono stati cancellati.

Come abbiamo notato ieri, il peggioramento della minaccia globale da parte del virus ha spinto Goldman Sachs a rivedere la sua storia di crescita degli utili per il 2020:

” Le società statunitensi non genereranno una crescita degli utili nel 2020. Abbiamo aggiornato il nostro modello di utili per incorporare la probabilità che il virus diventi diffuso. Le nostre stime EPS di riferimento riviste sono $ 165 nel 2020 (precedentemente $ 174) e $ 175 nel 2021 (prima $ 183), che rappresentano Crescita dello 0% e del 6% Le nostre previsioni ridotte riflettono il forte declino dell’attività economica cinese nel 1 ° trimestre, una domanda di fine mercato inferiore per gli esportatori statunitensi, un’interruzione della catena di approvvigionamento, un rallentamento dell’attività economica degli Stati Uniti e un’elevata incertezza. Le previsioni di consenso implicano che l’EPS salirà 7% nel 2020 e 11% nel 2021. ” 

Il calo delle scorte non dovrebbe essere totalmente sorpreso dato il crollo delle aspettative dell’EPS …

Ma diamo l’ultima parola a Sven Henrich di NorthmanTrader.com , che evidenzia la vera tragedia in tutto questo …

… il vero messaggio probabilmente si perderà in tutto questo. Molto probabilmente la narrativa popolare sarà la colpa del coronavirus come evento imprevisto, nessuno avrebbe potuto vederlo arrivare, questo non era qualcosa per cui nessuno avrebbe potuto prepararsi.

Sebbene ciò sia vero in superficie, manca completamente il punto più grande : la Fed, con essa le operazioni di liquidità hanno mascherato tutte le questioni sottostanti nei mercati nell’ultimo anno. Non abbiamo avuto una crescita degli utili nel 2019, abbiamo avuto un’espansione multipla. Il mercato obbligazionario non ha mai confermato il commercio di reflazione, l’oro si è mobilitato per mesi segnalando che qualcosa non andava. E ora la Fed si è lasciata vulnerabile a non essere in grado di affrontare una vera crisi e sostanzialmente ha apertamente invitato le persone a inseguire titoli azionari con valutazioni elevate.

La Fed non ha dato alcun avvertimento agli investitori, invece ha rallegrato gli investitori  dalla scogliera.  Anche la scorsa settimana i funzionari della Fed hanno difeso le valutazioni e non hanno visto nulla di sbagliato in qualcosa che si aggiungesse all’atmosfera di compiacenza.

E ora tutti incolperanno il virus, ma non l’inseguimento spericolato delle azioni in valutazioni storiche per cominciare.

Il che è sfortunato, perché questa è la vera lezione, una lezione che è stata già appresa nel modo più duro nel 2000, ma molti partecipanti sono ora a rischio di nuovo apprendimento …

Gli investitori globali non stanno aspettando i dati economici per vedere come sono andate le cose brutte da quando il virus ha mandato la Cina in paralisi economica. Vendono per primi e fanno domande dopo.