“Ciao d’oro” dopo la relazione di spionaggio Iqbal Khan riceve otto milioni di franchi per passare a UBS

Blick.ch 28.2.20

Sergio Ermotti ha ricevuto un taglio dei salari nell’ultimo anno intero come capo di UBS. Il suo stipendio rimane compreso tra due milioni. Anche il passaggio per Iqbal Khan da CS a UBS è stato utile.

Questo autunno è finito: Sergio Ermotti (59) si dimette da capo di UBS . Quindi il 2019 è stato l’ultimo anno intero come direttore della grande banca. La sua ricompensa per questo: CHF 12,5 milioni. Questo mostra il rapporto sulla remunerazione che la banca ha pubblicato venerdì.

Ermotti riceve una riduzione dei salari. L’anno precedente il boss UBS ha ricevuto oltre 14 milioni di franchi. Lo stipendio base è rimasto lo stesso. Nel 2019, Ermotti ha ricevuto una remunerazione variabile significativamente inferiore. Il motivo del declino è, tra l’altro, che gli obiettivi in ​​termini di rendimento del capitale proprio o dell’utile netto non sono stati pienamente raggiunti.

Le tasse in Francia hanno anche un impatto sulla compensazione. La banca è stata condannata a una multa di miliardi di dollari lo scorso febbraio, con il caso che riprenderà a giugno nella prossima istanza. Parte del pagamento a Ermotti dipende dall’esito finale del caso.

“Golden Hello” – 8 milioni per Khan

La tendenza generale dei salari rimane tuttavia ripida. Lo scorso anno i salari dell’intera gestione UBS ammontavano a CHF 102 milioni. L’anno scorso c’erano solo 101 milioni. In entrambi gli anni il consiglio di amministrazione era composto da 13 membri.

Il nuovo copresidente della gestione patrimoniale Iqbal Kahn (43), che è partito da UBS all’inizio di ottobre, riceverà un pagamento una tantum (premio sostitutivo) di 8,1 milioni di franchi per il 2019. Ciò avrebbe dovuto pagare per le sue pretese, che erano scadute con il passaggio a UBS, dal suo precedente datore di lavoro, il Credit Suisse – e la rabbia per l’affare di spionaggio era gestibile. Prima di allora, Khan si guadagnava da vivere al CS, i singoli media parlano di “diversi milioni di franchi”.

Compreso questo importo, la compensazione per la direzione ammonta a 110,2 milioni di franchi. Non solo il CEO Ermotti, ma anche il presidente del consiglio di amministrazione Axel Weber (62) lo scorso anno ha ricevuto meno compensi rispetto al 2018. Il suo stipendio totale per il 2019 è stato di 5,2 milioni di franchi rispetto ai 6,0 milioni di franchi dell’anno precedente. Anche con lui, parte del risarcimento è legato alla risoluzione definitiva del caso giudiziario in Francia. (SDA / ISE)