L’economista Klaus Wellershoff – avverte”Esiste un grande pericolo che arriverà la recessione globale”

Christian Kolbe blick.ch 29.2.20

L’economia globale è in crisi a causa del virus corona: i mercati azionari stanno crollando e i consumatori potrebbero perdere il desiderio di fare acquisti. L’economista Klaus Wellershoff teme una recessione globale.

Le borse di tutto il mondo sono in caduta libera. Il principale indice svizzero SMI ha perso valore del 13 percento dal massimo storico di giovedì di una settimana fa. Si chiude ben al di sotto dei 10.000 punti questa settimana. Meno 3,7 per cento ieri solo venerdì.

La SMI è in buona compagnia: che si tratti di DAX, Dow Jones o Nikkei, tutti i principali indici stanno subendo enormi riduzioni di prezzo. Un’enorme distruzione di capitale. “Solo questa settimana, la caduta del prezzo delle azioni ha distrutto oltre $ 7.500 miliardi di valore in tutto il mondo”, afferma Klaus Wellershoff (56) in un’intervista a Blick TV. “Questo è più del doppio della produzione economica annuale della Germania”, prevede l’economista.

La recessione globale incombe

L’economia mondiale è in stato di shock, le catene logistiche globali sono rotte, importanti regioni economiche non sono solo paralizzate in Cina. Il Nord Italia in particolare, dove il virus infuria più violentemente in Europa, è di grande importanza per l’economia svizzera.

L’economista Wellershoff vede tempi difficili per l’economia: “Esiste un grande rischio che ora si verifichi una recessione globale”. Ciò colpirebbe anche duramente l’economia svizzera, le preoccupazioni nelle sale del consiglio stanno diventando sempre più profonde: “Molte aziende stanno già iniziando a chiedersi se possono ancora realizzare profitti quest’anno”.

L’umore del consumo sta svanendo

Il problema: in molti paesi, il consumo è un pilastro dell’economia. Ma in tempi di coronavirus, problemi di salute – e non la prossima spesa per i consumatori. “Chiunque abbia paura non comprerà un nuovo frigorifero o una nuova auto”, spiega Wellershoff.

Le fiere sono un fattore economico importante. Ma il Motor Show di Ginevra, le fiere dell’orologeria a Basilea e Ginevra o il Giardina Garden Show di Zurigo sono tutti cancellati. Ciò significa meno pernottamenti o visite al ristorante per tutte le città.

Le banche centrali hanno sparato polvere

In molti altri paesi, anche le fiere pubbliche e commerciali vengono cancellate per paura della diffusione del virus. Wellershoff avverte che ciò avrà conseguenze economiche a lungo termine: “Annullare le fiere è un grosso problema. Molte PMI non dispongono ora delle piattaforme per stabilire contatti e fare affari. »

L’economia globale sta scivolando in modalità crisi, ma la stragrande maggioranza dei soccorritori ha già sparato la polvere. “Questa è una situazione molto scomoda per le banche centrali. Faranno tutto il possibile per dare impulso all’economia, ma possono ottenere molto poco », ritiene Wellershoff. Perché se i tassi di interesse sono bassi o negativi, ulteriori tagli ai tassi non faranno molto bene.