JPMorgan è pronto per iniziare l’attività bancaria al dettaglio nel Regno Unito dopo Goldman

La banca più grande del mondo per capitalizzazione di mercato dovrebbe essere lanciata sul Canale entro la fine dell’anno con il marchio Chase. Due anni dopo Goldman Sachs e la sua controllata Marcus, che ha già più di 400.000 clienti e 14 miliardi di sterline di depositi.

0602849167890_web_tete.jpg

Si dice che JP Morgan Chase abbia affidato il progetto bancario al dettaglio nel Regno Unito a Clive Adamson, ex capo del supervisore finanziario britannico (FCA). (STAN HONDA / AFP)Di Alexandre Counis lesechos.fr 2.3.20

Le banche americane hanno gli occhi di Chimene per il mercato bancario al dettaglio britannico.  Due anni dopo Goldman Sachs e la sua banca online Marcus , è la volta di JPMorgan di nutrire grandi ambizioni attraverso il Canale. Secondo  Sky News , che ha presentato i suoi piani pochi giorni fa, potrebbe persino essere ” l’ingresso più significativo nel settore dalla crisi del 2008 “.

La più grande banca al mondo per capitalizzazione di mercato prevede di lanciare entro la fine dell’anno con il marchio Chase, la sua banca al dettaglio fino ad ora concentrata sugli Stati Uniti, dove non ha meno di 5.100 agenzie. Prevede di offrire una gamma più ampia di servizi rispetto a Marcus, dai prodotti di risparmio ai conti correnti, tramite i servizi di pagamento, un segmento in cui è già presente attraverso il Canale e i prestiti, dove dovrebbe posizionarsi più velocemente del suo rivale. Dovrebbe anche essere rivolto a un pubblico più ampio.

Un posizionamento tra grandi e neo-banche

JPMorgan sta attualmente discutendo con il regolatore per ottenere le autorizzazioni necessarie e ha affidato il progetto internamente a Clive Adamson, ex supervisore della Financial Conduct Authority (FCA) che è diventato direttore non esecutivo di JPMorgan Securities.

Per le banche americane, fare operazioni bancarie al dettaglio all’estero è stata a lungo senza senso. Ma il digitale è un punto di svolta. Su un mercato britannico già affollato da molte neo-banche come  Revolut , Starling o Monzo e dominato dalle grandi banche britanniche, ti consente di iniziare a un costo inferiore, con un posizionamento tra i due mondi: nessuna filiale da mantenere e quindi costi inferiori rispetto alle grandi banche che autorizzano una politica commerciale più aggressiva, ma un bilancio su cui fare affidamento e uno status bancario. Inoltre, ci sono grandi risorse: il budget tecnologico di JPMorgan supera quello di tutti i suoi concorrenti, con $ 11,4 miliardi all’anno.

La svolta di Marcus 

Lanciato nel Regno Unito a settembre 2018, Marcus ha già oltre 400.000 clienti per 14 miliardi di sterline di depositi, un importo che le neo-banche come Metro Bank e le sue agenzie hanno impiegato 7 anni per raggiungere. Marcus UK, che ha rappresentato un terzo della crescita dei depositi di Marcus lo scorso anno, offre conti congiunti ai clienti dall’inizio di febbraio e si sta preparando ad espandere la sua gamma di prodotti di risparmio nel secondo trimestre, prima di lanciare un’applicazione entro la fine dell’anno. Nella seconda metà dell’anno, potrebbe decidere di commercializzare conti correnti, prestiti e prodotti di investimento. Per dotarsi dei mezzi, dovrebbe assumere altre 65 persone quest’anno, portando la sua forza lavoro attraverso la Manica a 300 dipendenti. 

Il lancio di Marcus nel 2018 aveva  spinto Barclays a reagire lanciando, due settimane dopo, la propria banca online negli Stati Uniti. L’aggressiva strategia commerciale di Marcus UK – con un conto di risparmio al miglior tasso di mercato, dell’1,5% – aveva anche costretto gli stabilimenti più piccoli, come Tesco Bank, Virgin Money e Yorkshire Building Society, ad aumentare la propria tassi di interesse o lancio di nuovi prodotti il ​​mese successivo. Di fronte a difficoltà, il tedesco Fintech N26 ha annunciato alcuni giorni fa che stava abbandonando il mercato britannico. Fidor Bank, la banca online di proprietà del gruppo francese BPCE, lo aveva già abbandonato l’anno scorso.

Alexandre Counis (corrispondente a Londra)