“È come una città fantasma”: le principali città di tutto il mondo sono paralizzate dalla paura di Covid-19

zerohedge.com 5.3.20


Autore di Michael Snyder tramite il blog The Economic Collapse,

Non abbiamo visto nulla causare così tanta paura in tutto il mondo da molto tempo. Ma anche se c’è così tanta paura, non sappiamo ancora se questo si evolverà nella prossima grande pandemia globale che uccide milioni di persone o meno. Vorrei avere una risposta definitiva per te. A questo punto sappiamo che il numero di casi confermati al di fuori della Cina continua a salire a un ritmo molto allarmante e sappiamo anche che questo virus è  circa 34 volte più mortale dell’influenza  secondo gli ultimi numeri. Ma affinché uccida milioni di persone, una percentuale sostanziale della popolazione mondiale dovrebbe essere infettata e non sappiamo se ciò accadrà realmente.

Ma nelle principali città di tutto il mondo, dove si è verificata un’eruzione dei casi COVID-19, stiamo assistendo a gravi interruzioni dell’attività normale.

Ad esempio, ora che nella zona sono stati segnalati numerosi decessi per coronavirus, la mancanza di turisti ha trasformato il centro di Seattle in  “una città fantasma” …

A Seattle, prepararsi al coronavirus significa anche prepararsi per quello che potrebbe essere un impatto economico devastante. Imprenditori e residenti hanno già visto un calo dei turisti nelle aree della città che dipendono fortemente dal traffico pedonale.

” È come una città fantasma “, ha detto Francisco a proposito del famoso Pike Place Market dove ha il suo negozio.

Se sei mai stato al Pike Place Market, allora sai che è normalmente pieno di attività.

Ma ora praticamente tutti vogliono stare alla larga, e non puoi incolparli esattamente. Con questo virus a piede libero, non vorrei nemmeno avventurarmi laggiù.

Il sindaco di Seattle Jenny Durkan ha già dichiarato lo  stato di emergenza , e questo le darà il potere di annullare una vasta gamma di eventi pubblici …

Mentre il bilancio delle vittime saliva martedì, il sindaco di Seattle Jenny Durkan, un democratico, ha proclamato un’emergenza civile. La dichiarazione le consente di aggirare le normative per aumentare la spesa, i contratti e i prestiti delle città per far fronte alla crescente minaccia per la salute pubblica. Permetterà inoltre al suo ufficio di chiudere le strutture e di annullare gli eventi per impedire che il virus si diffonda ulteriormente.

Dall’altra parte del globo, le strade di Seoul  sono praticamente vuote in questo momento …

Le strade di Seoul, la capitale della Corea del Sud, sono rimaste quasi vuote questa settimana.  Coloro che si avventurano indossano maschere. Le metropolitane normalmente occupate hanno pochi passeggeri e cavalieri si assicurano di sedersi lontano l’uno dall’altro. Molti residenti fanno affidamento su app di consegna di generi alimentari e ristoranti.

La maggior parte degli americani non se ne rende conto, ma la popolazione di Seoul in realtà supera la popolazione di New York City.

Normalmente è una delle città più trafficate dell’intero pianeta, ma a causa della paura che hanno causato oltre 5.700 casi confermati in Corea del Sud, è diventata anche una sorta di “città fantasma”.

Parlando di città frenetiche, i 21 milioni di residenti di Pechino continuano ad aspettare che la vita torni alla normalità.

La maggior parte delle persone sta a casa il più possibile, e quelli che si avventurano rischiano di farsi scansionare la temperatura  “ai checkpoint regolari” …

Molti negozi sono ancora chiusi a Pechino e le temperature dei residenti vengono sottoposte a controllo presso i punti di controllo regolari, nonché all’interno di ciascun negozio . Nelle strade che sono normalmente così affollate che le persone sono costrette a sfiorare le spalle, coloro che sono fuori si tengono a una buona distanza l’uno dall’altro.

Potresti immaginare il tumulto che ne deriverebbe se simili “posti di blocco” fossero istituiti qui negli Stati Uniti?

Speriamo di non arrivare mai a quel punto.

A Milano, le cose sono stranamente silenziose in questo momento. In effetti, nessuno ha visto la città così tranquilla  in tutta la storia moderna dell’Italia …

A Milano, la capitale italiana degli affari e il centro dello scoppio del paese, ristoranti, bar e stazioni ferroviarie sono molto meno affollati del normale. La piazza del Duomo, che di solito brulica, che ospita la cattedrale della città e fiancheggiata da negozi e bar, era quasi vuota nei punti di lunedì.

Le autorità italiane sono assolutamente alla disperata ricerca di questo controllo su questo focolaio e quindi stanno implementando misure piuttosto estreme.

Incredibilmente, questo include anche il divieto dei fan di tutti gli eventi sportivi  fino al 3 aprile …

Il governo italiano ha adottato misure drastiche per aiutare a prevenire lo scoppio del coronavirus chiudendo tutti gli eventi sportivi ai fan in tutto il paese fino al 3 aprile . L’Italia è stato il paese europeo più colpito dal coronavirus, con 107 morti finora.

È bello che abbiano fissato una scadenza, ma cosa faranno se arriviamo al 3 aprile e questo focolaio è peggiorato ancora?

Potrebbe essere possibile che i fan italiani non saranno in grado di partecipare a eventi sportivi per il prossimo futuro?

E presto altri paesi occidentali seguiranno l’esempio?

Le nostre vite potrebbero essere in procinto di cambiare in modi che non potremmo nemmeno immaginare solo poche settimane fa.

Nel Regno Unito, i residenti vengono avvisati che potrebbero presto  “mettere in attesa la vita per tre mesi” …

I britannici potrebbero essere costretti  a mettere le loro vite in sospeso per tre mesi  nell’ambito di un “piano di battaglia” per combattere il Coronavirus tra gli avvertimenti di oggi che la malattia mortale potrebbe invalidare un quinto della forza lavoro del Regno Unito.

Boris Johnson ha presentato oggi il progetto del governo per affrontare un focolaio di massa dell’insetto che include come ultima risorsa una serie di mosse di contingenza socialmente ed economicamente costose.

Potresti mettere in pausa la tua vita per tre mesi?

Naturalmente la maggior parte delle pandemie durano più a lungo di soli tre mesi. In effetti, la pandemia di influenza spagnola è durata tre anni e ha ucciso decine di milioni di persone.

Spero che questo focolaio non sarà niente del genere.

Ma senza dubbio, questo è un virus davvero orribile. Quello che segue è un estratto dal racconto di un uomo di 25 anni  che ha effettivamente catturato COVID-19 …

12 ° giorno: ho avuto una ricaduta. Proprio come pensavo che l’influenza stesse migliorando, è tornata con una vendetta. Il mio respiro è affannoso. Alzarmi e andare in bagno mi lascia ansimare ed esausto. Sto sudando, sto bruciando, ho le vertigini e i brividi. La televisione è accesa ma non riesco a capirla. Questo è un incubo

Nel pomeriggio, mi sento soffocare. Non sono mai stato così malato in vita mia. Non riesco a prendere più di un sorso d’aria e, quando espiro, i miei polmoni sembrano un sacco di carta che si accartoccia.  Questo non è giusto Ho bisogno di vedere un dottore. Ma se chiamo i servizi di emergenza, dovrò pagare per chiamare l’ambulanza. Costerà una fortuna. Sono malato, ma non credo di morire – vero?

Non voglio certo sperimentarlo, e sono sicuro che non lo vorrai neanche tu.

Venendo a quest’anno,  ho messo in guardia su ciò che sarebbe accaduto, ma sicuramente non avevo previsto che potremmo essere potenzialmente di fronte a una vera e propria pandemia globale all’inizio di marzo.

COVID-19 potrebbe cambiare tutto. So che molti stanno tentando  di minimizzare la gravità di questo virus , e questo è un errore enorme.

Per il prossimo futuro, l’intero globo sarà preso dalla paura di questo virus, e questo ha implicazioni molto serie per tutti noi.