Stati Uniti: la caduta del tasso decennale, un barometro delle paure del mercato

Dopo che la Federal Reserve ha annunciato un taglio di mezzo punto nei tassi di interesse martedì, il rendimento sui titoli di Stato a 10 anni degli Stati Uniti è sceso sotto l’1% e si è scambiato intorno allo 0, 7% venerdì. Riflettendo in particolare le paure di un sottodimensionamento della risposta americana al coronavirus.

0602886295184_web_tete.jpg

Il titolo decennale del governo americano è uno dei grandi paradisi sicuri dei mercati finanziari, quando nessuno vuole rischiare il proprio denaro altrove. (Bryan R. Smith / AFP)Di Véronique Le Billon lesechos.fr 7.3.20

Il mercato azionario non è l’unico ad essere scosso. Martedì, quando la Federal Reserve (Fed) ha annunciato di sorpresa un taglio dei suoi tassi chiave di mezzo punto, ora tra l’1 e l’1,25%, gli investitori avrebbero dovuto allentarsi. È accaduto il contrario e un prodotto finanziario ha illustrato la profondità delle loro ansie: titoli di stato statunitensi a 10 anni. Durante la sessione, martedì, l’esecuzione di questo titolo, molto richiesta, è scesa sotto l’1%, un minimo storico.

Questo prodotto di punta, utilizzato per finanziare il gigantesco debito federale americano, è uno dei grandi paradisi sicuri dei mercati finanziari, quando nessuno vuole rischiare il proprio denaro altrove. “Viene acquistato da tutti gli investitori che cercano di preservare il valore del loro portafoglio senza correre alcun rischio”, ha affermato Gregory Daco, capo economista negli Stati Uniti per Oxford Economics.

Mercati azionari: le tre figure di una giornata intensa

Il record è stato rapidamente infranto: questo venerdì, il tasso dei titoli di Stato americani è precipitato sotto la soglia del … 0,7%, mentre anche gli altri prodotti dello stesso tipo del titolo a 30 anni si sono indeboliti. “Il calo del tasso decennale riflette tre elementi principali: l’improvviso calo del tasso chiave da parte della Fed, l’aspettativa di una crescita indebolita nei prossimi mesi e un effetto panico con gli investitori che si rifugiano nei valori sicuri “, decodifica Gregory Daco.

“Mancata adozione di misure drastiche”

Il movimento probabilmente non è finito. “C’è una sensazione di incapacità da parte dell’amministrazione americana di adottare misure drastiche contro il coronavirus”, ha detto l’economista. Le autorità sanitarie degli Stati Uniti hanno identificato undici morti coronavirus, ma solo 164 casi di persone infette, aumentando i timori di una proiezione sub-mercato del virus. A breve o medio termine, i mercati temono quindi un impatto molto maggiore sull’attività, in un’economia americana già in rallentamento .

Nel mezzo di un anno elettorale e mentre il Congresso ha appena rilasciato $ 8,3 miliardi , l’amministrazione Trump sta rispondendo passo dopo passo al virus. “Siamo dalla parte di coloro che desiderano micro-misure puntuali e mirate”, ha detto oggi il consulente economico della Casa Bianca Larry Kudlow a Bloomberg, respingendo progetti “di vasta portata, centinaia e centinaia di miliardi di dollari che non incidono sugli incentivi e non influenzano la crescita in modo permanente. “

Per gli investitori, il calo del tasso decennale riduce i rendimenti dei loro portafogli, ma alcuni guadagnano comunque denaro giocando sulla volatilità. L’obbligazione americana conserva ancora il vantaggio di un rendimento positivo, a differenza delle sue controparti giapponesi o tedesche.

Véronique Le Billon (ufficio di New York)