L’ex primo ministro Renzi su Corona Crisis “Fai attenzione a non commettere gli stessi errori dell’Italia”(NO COMMENT)

Frank Hornig , Roma spiegel.de 13.3.20

Il virus Corona ha invaso l’Italia – perché il governo non ha risposto in modo rapido e deciso. Matteo Renzi ora avverte altri paesi dell’UE in un’intervista a SPIEGEL: “Non perdere tempo!”

Il politico governativo Renzi: "Corona non conosce confini"

Il politico governativo Renzi: “Corona non conosce confini” Alberto Pellaschiar / AP

Inizialmente, i politici italiani stavano ancora discutendo vigorosamente su Corona. Quando c’erano relativamente poche persone infette, i governatori e i sindaci del nord hanno chiesto di non esagerare con le misure di protezione. Il leader dell’opposizione Matteo Salvini (“Tieni tutto aperto, tutto, tutto, tutto”) non ha preso sul serio la crisi.ANZEIGEANZEIGEDie schönsten März-Looks!

Anzüge, Kleider und mehr: Mit diesen Outfits machen Sie Ihren Frühling noch schöner.Jetzt shoppen

Ciò è cambiato con il numero in rapido aumento di Covid 19 pazienti. Nel frattempo, molti politici si stanno battendo per proposte su come intensificare la lotta contro Corona.

Matteo Renzi, leader del partito di Italia Viva, è uno dei partner della coalizione a Roma. Dopo che il governo ha dichiarato gran parte del nord Italia un’area riservata domenica scorsa, l’ex primo ministro ha chiesto che tutta l’Italia fosse dichiarata zona rossa, cosa che è accaduta poco dopo.

SPIEGEL: il numero di persone con infezione da corona in Italia è cresciuto fino ad oggi senza sosta. Come valuti la situazione attuale?

Matteo Renzi: è molto difficile. Ora dobbiamo impedire a tutti di ammalarsi allo stesso tempo. In modo che il sistema clinico non collassi .

SPIEGEL: il tuo paese è attualmente chiuso. Pensi che sia appropriato?

Renzi: Da quando siamo finiti in questa situazione, non c’è alternativa. Perché il virus è molto più diffuso in Italia che in altri Paesi. Ma fai attenzione: esiste un rischio realistico che paesi come la Germania e la Francia dovranno prendere le stesse misure nelle prossime ore e giorni. Corona non conosce limiti, il virus è ovunque.A proposito della persona

Matteo Renzi, 45 anni, è stato sindaco di Firenze e primo ministro italiano dal 2014 al 2016. Durante la crisi del governo alla fine dell’estate 2019, ha fatto presto una campagna per un governo di centro sinistra senza Matteo Salvini. A settembre, l’ex socialdemocratico ha fondato il partito Italia Viva. Fa parte della sentenza della coalizione a Roma.

SPIEGEL: Come sono state ricevute le nuove normative dai cittadini?

Renzi: Tutto è molto severo per gli italiani. A loro piace abbracciare e toccare e sono riluttanti a guidare. Chiudere tutto fa una grande impressione su di loro. Ma è l’unico modo.

SPIEGEL: Potrebbero essere state prese misure per prevenire o mitigare la crisi in precedenza?

Renzi: l’ Italia ha commesso degli errori. Ad esempio, quando abbiamo vietato i voli diretti dalla Cina a gennaio, ma gli altri paesi europei non hanno bloccato i collegamenti con la Cina. Le persone infette dalla Cina sono venute da noi attraverso altri hub europei senza che ce ne accorgessimo. Inoltre, alcune delle nostre leggi e normative sono state comunicate molto male. Ciò ha vanificato gli sforzi per frenare la diffusione del virus, poiché molte persone infette potrebbero continuare a muoversi senza controllo. Ma quello è il passato. Ora stiamo andando nella giusta direzione. Il problema risiede con altri paesi europei.

PIEGEL: Cosa intendi?

Renzi: Paesi come Germania, Francia, Spagna o Gran Bretagna sanno cosa ci sono stati in Italia. Il mio appello agli amici tedeschi è quindi: fai attenzione a non commettere gli stessi errori dell’Italia. Non perdere tempo! Tra una settimana sarai nel punto in cui siamo oggi. Con i numeri dei casi, ti trovi sulla stessa curva dell’Italia.

SPIEGEL: Le regioni in Italia e gli stati federali in Germania hanno molto da dire in questa situazione. È un problema in una crisi del genere?

Renzi: Ho perso la mia posizione di Primo Ministro nel 2016 quando volevo conferire al quartier generale più poteri in caso di emergenza. Quello è stato bloccato. Oggi posso solo dire: il problema è più urgente che mai. Se questa crisi viene superata, dobbiamo ri-regolare le relazioni tra quartier generale e regioni.

SPIEGEL: Come prepari una società per una limitazione così ampia delle libertà? Come evitare il panico nel paese?

Renzi: è molto difficile. La cosa più importante ora è aiutare le famiglie. Per fornire liquidità. Altrimenti non arriveranno alla fine del mese. Fa impazzire le persone quando non guadagnano più nulla e sono ancora costrette a rimanere a casa.

SPIEGEL: Sei preoccupato per la democrazia nel paese?

Renzi: No. Ma non abbiamo mai avuto la libertà di movimento limitata in questo modo. E poi abbiamo avuto tensioni nelle carceri , dodici prigionieri sono morti. Era un segnale molto inquietante. Ed è inaccettabile.

SPIEGEL: Il tuo partito Italia Viva fa parte della coalizione notoriamente contestata a Roma. In che modo la crisi ha cambiato la politica?

“È un duro colpo per l’economia”

Renzi: In questa fase, tutti devono restare uniti. Come una squadra di calcio nazionale. Quindi per favore niente più polemiche.

SPIEGEL: E funziona?

Renzi: In questo momento. Possiamo discutere ancora dopo.A questo punto tutti devono restare uniti.

SPIEGEL: Come vedi le conseguenze economiche di Corona?

Renzi: è un duro colpo per l’economia italiana . In precedenza eravamo praticamente atterrati al di sotto dello zero per cento. Inoltre, non possiamo stimare quanto durerà questa crisi. Tutte le misure economiche che stiamo prendendo ora devono soprattutto portare la pace alle famiglie e alle piccole imprese. Dobbiamo assolutamente assicurarci che le piccole aziende in particolare sopravvivano prima che le cose inizino a migliorare di nuovo.

SPIEGEL: Cosa dovrebbe fare l’Europa?

Renzi: Certo, la prima cosa è garantire la liquidità delle banche . Ma l’Europa deve anche usare questa crisi per sviluppare ulteriormente il continente, per investire in tecnologia medica e ricerca. È anche un’opportunità per ripensare il futuro dell’Europa.