Risposta alla crisiL’Adidas non vuole più pagare l’affitto – la direzione difende gli stipendi

Blick.ch 27.3.20

L’Adidas ha avuto un anno record nel 2019 e ha realizzato miliardi di profitti per anni. La società ha reagito immediatamente alla crisi del virus corona: Adidas ha sospeso i pagamenti degli affitti per i suoi negozi. Il consiglio si astiene temporaneamente dal pagare gli stipendi.

Nonostante miliardi di profitti nell’ultimo esercizio finanziario, il produttore di articoli sportivi Adidas non vuole più pagare l’affitto per i suoi negozi al dettaglio chiusi a causa della crisi del coronavirus. “È vero che Adidas, come molte altre società, sospende temporaneamente i pagamenti degli affitti come precauzione quando i nostri negozi sono chiusi. Siamo in stretto contatto con i proprietari terrieri interessati », ha spiegato un portavoce della società venerdì, confermando così un rapporto del quotidiano« Bild ». La catena di moda svedese H&M ha successivamente annunciato un approccio simile.

L’Adidas ha recentemente registrato un anno record nelle vendite e nei profitti. Adidas ha dovuto chiudere gradualmente i suoi negozi al dettaglio autogestiti in Europa e Nord America da gennaio in poi a causa della crisi. In Asia e in America Latina, i negozi avevano inizialmente continuato a funzionare. In America Latina, oltre che in alcune parti dell’Asia, i negozi sono ora chiusi.

Significativa perdita di vendite

In Cina, la maggior parte di essi è di nuovo aperta, sebbene con tempi di apertura ridotti. Adidas ha registrato un calo significativo delle vendite nei mercati interessati, ha detto un portavoce venerdì.

Il consiglio del capo dell’azienda Kasper Rorsted ha temporaneamente rinunciato al pagamento del 50% del suo stipendio. Il livello di gestione al di sotto del consiglio di amministrazione rinuncia temporaneamente al 30 percento della retribuzione regolare. (SDA)