L’Italia rischia di perdere la presa nel sud con la paura del saccheggio, rivolte

Di bloomberg.com 30.3.20

  • Le regioni più povere stanno soffrendo per l’economia chiusa
  • Il sindaco della Sicilia avverte che il disagio economico potrebbe provocare violenza

Mentre il Primo Ministro Giuseppe Conte combatte per tenere unita la società italiana attraverso un paralizzante blocco a livello nazionale, il depresso sud si sta trasformando in un barile di polvere.

La polizia è stata dispiegata per le strade della capitale siciliana, Palermo, tra le notizie secondo cui le bande stanno usando i social media per pianificare attacchi ai negozi. Una compagnia di traghetti in bancarotta ha interrotto il servizio per l’isola, comprese le forniture vitali di cibo e medicine. Mentre lo stato scricchiola sotto la tensione della pandemia di coronavirus, i funzionari temono che la mafia si stia preparando a intervenire

Prevenire disordini nel cosiddetto Mezzogiorno, la regione meridionale sottosviluppata che è rimasta a lungo in ritardo rispetto al ricco nord, è diventata la massima priorità del governo, secondo i funzionari italiani che hanno chiesto di non essere nominati per discutere della strategia dell’amministrazione.

Con lo stato più pericolosamente indebitato dell’Unione europea che sta già combattendo i tedeschi per i termini dell’aiuto finanziario di cui ha bisogno, la ricaduta potrebbe arrivare ben oltre Roma se Conte fallisse.

“Dobbiamo agire in fretta, più che velocemente”, ha detto il quotidiano Leoluca Orlando al quotidiano La Stampa. “L’angoscia potrebbe trasformarsi in violenza”.

Per saperne di più: l’Europa non ottiene tregua dai blocchi dopo un weekend mortale

Mentre il blocco entra nella sua quarta settimana, il ministro della Salute Roberto Speranza ha dichiarato in una dichiarazione alla fine di lunedì che il governo seguirà la raccomandazione dei suoi sostenitori scientifici di estendere il blocco dall’attuale scadenza del 3 aprile fino almeno a Pasqua. Conte sta anche lavorando a un nuovo pacchetto di stimolo per metà aprile del valore di almeno 30 miliardi di euro ( $ 33 miliardi ), a seguito di misure iniziali per un valore di 25 miliardi di euro, hanno detto i funzionari.

L’Italia ha il più alto numero di morti per il virus, con oltre 11.000 vittime e quasi 102.000 casi confermati, seconda solo agli Stati Uniti. Ha riportato il minor numero di nuove infezioni da coronavirus in quasi due settimane lunedì.

Per saperne di più: l’Italia riporta il minor numero di nuovi casi di coronavirus in quasi 2 settimane

Chiede aiuto

Nell’ambito dell’aiuto che ha già annunciato, Conte sta cercando di incanalare fondi verso il sud. Durante il fine settimana ha fatto avanzare 4,3 miliardi di euro da un fondo di solidarietà per i comuni e ha aggiunto 400 milioni di euro ai sindaci che possono essere convertiti in buoni per generi alimentari. “Nessuno rimarrà indietro”, ha detto il premier in un indirizzo televisivo.

Tuttavia, i leader del sud chiedono a gran voce di più. Dicono che i soldi del fondo di solidarietà erano già dovuti a loro e il danno economico derivante dal blocco ha portato la loro regione sull’orlo di una crisi.

Ciò apre un altro fronte a Conte, che sta già lottando per impedire al sistema sanitario italiano di collassare e combattere l’Unione europea per l’emissione congiunta di debito per contribuire ad alleviare la pressione finanziaria sul suo governo. La produzione economica italiana dovrebbe ridursi del 6,5% nel 2020, secondo il gruppo di ricerca Prometeia.

Il blocco ha colpito particolarmente duramente i 3,7 milioni di italiani che lavorano nell’economia sommersa poiché non ricevono uno stipendio regolare e hanno difficoltà ad accedere alle indennità di disoccupazione. Molti di loro sono concentrati nel sud.

Nel Sud, “molte persone vivono quotidianamente, facendo lavori strani, come scaricare camion nei mercati, e sono nei guai”, ha detto al telefono Stefano Paoloni, leader del sindacato di polizia. “Dobbiamo essere in allerta per vedere se c’è del crimine organizzato dietro disordini sociali”.

Gang criminali

La polizia è stata di stanza fuori dai supermercati di Palermo dopo che almeno un gruppo di residenti arrabbiati ha rifiutato di pagare per i loro acquisti. Il gruppo privato Facebook Rivoluzione Nazionale, che conta circa 2.600 membri, sta esortando gli altri a organizzare tali incursioni, secondo il quotidiano la Repubblica. Altri canali di social media, tra cui le chat di WhatsApp, vengono monitorati, afferma il giornale.

Aggiungendo al senso delle cose che si guastano, la compagnia di traghetti Tirrenia CIN lunedì ha deciso di interrompere tutti i suoi collegamenti con la Sicilia, la Sardegna e altre isole minori a causa di difficoltà finanziarie. Il governo ha dichiarato in una dichiarazione che garantirà la consegna dei beni vitali.

Maggiori informazioni: i collegamenti italiani con la Sardegna a rischio dopo l’arresto dei servizi da parte dell’operatore

Giuseppe Provenzano, che è responsabile del sud nel gabinetto di Conte, ha detto che dovrebbe essere dato anche un sussidio di emergenza a coloro che sono nell’economia illegale. Il rischio è che le bande di criminalità organizzata intervengano per fornire assistenza ai bisognosi, colmando il vuoto lasciato dallo Stato.

Il governo deve muoversi “senza esitazione”, ha affermato Graziano Delrio, leader dei legislatori della Camera bassa del Partito Democratico, il secondo gruppo più numeroso della coalizione di Conte. Roma ha bisogno di “fare tutto il necessario per i bisogni essenziali delle famiglie”, ha detto in un’intervista.

– Con l’assistenza di Alessandro Speciale e Alberto Brambilla