I dividendi in Europa sotto pressione, mettendo a rischio $ 178 miliardi

Di Bloomberg.com 31.3.20

  • Citi afferma che i dividendi della regione potrebbero diminuire del 50% nel 2020
  • Le imprese europee hanno pagato $ 357 miliardi agli azionisti nel 2019

La pandemia di coronavirus potrebbe far dimezzare il pagamento dei dividendi da parte delle società europee nel 2020, minacciando una fonte importante di reddito per gli investitori nelle azioni della regione, secondo Citigroup Inc.

Con un numero crescente di aziende che abbassano, sospendono o riesaminano i loro pagamenti, gli strateghi di Citigroup guidati da Robert Buckland affermano che potrebbero esserci altri progressi in corso poiché una contrazione dell’1,6% nella crescita globale ridurrebbe gli utili europei del 50%.

Per i fondi pensione fortemente investiti in strategie di reddito, il colpo sarà particolarmente grave. Nel 2019, le società dell’Europa continentale hanno pagato dividendi per circa $ 251 miliardi , mentre le società britanniche hanno distribuito $ 106 miliardi , secondo Janus Henderson. Se la previsione di Citi si rivelasse accurata, circa la metà di quel totale, o $ 178 miliardi , verrebbe spazzata via.

Il dividendo per azione di solito non scende tanto quanto l’EPS, ma alti rapporti di pagamento, insieme alla definizione delle priorità aziendali di bilanci e dipendenti, possono anche dimezzare i dividendi europei”, ha scritto Buckland, osservando che i pagamenti agli azionisti sono diminuiti di un terzo durante la crisi finanziaria del 2008.

In tutta la regione, le aziende dai produttori di beni di lusso alle banche sono sotto pressione da parte dei legislatori affinché riducano i pagamenti. Lunedì la Banca centrale europea ha raccomandato ai finanziatori di sospenderei dividendi e ora sta cercando di costringerli a farlo se non rafforzano il capitale durante la crisi del coronavirus. Nel frattempo, Tod’s SpA ha annullato il suo pagamento , con gli analisti Citigroup che prevedono ulteriori mosse di questo tipo tra pari francesi e italiani.

Gli analisti di Morgan Stanley stimano che meccanicamente, se i dividendi delle banche venissero annullati per un anno intero, ciò implicherebbe un colpo dell’8% alle distribuzioni a livello di indice per MSCI Europe. Se altri regolatori bancari europei dovessero seguire l’esempio, l’impatto sarebbe pari al 18%.

L’impatto del calo dei dividendi sarà avvertito in modo particolarmente acuto dagli investitori in Europa, dove i rendimenti sono più alti che negli Stati Uniti. Il rendimento del dividendo finale Stoxx Europe 600 si attesta al 4,4% rispetto al 2,3% per l’S & P 500, poiché i riacquisti sono stati la via principale per restituire denaro agli azionisti negli Stati Uniti

Grandi pagamenti e una sovraesposizione a energia e finanziari ad alto rendimento rendono il Regno Unito particolarmente vulnerabile ai tagli dei dividendi, secondo Buckland di Citi.

Dalla crisi finanziaria globale, la maggior parte dei rendimenti generati dalle azioni europee sono stati collegati ai dividendi. Prima del prelievo innescato dall’epidemia di coronavirus, l’indice MSCI Europe era cresciuto appena del 10% dal 2000, mentre il suo equivalente di rendimento totale era aumentato di oltre l’80%.