La Merkel si oppone al reciproco debito e Lagarde afferma che “le ricette del passato” non valgono( siamo arrivati alla frutta – grazie a GOVERNO ED OPPOSIZIONE – E NOI PAGHIAMO I LAUTI STIPENDI AI NOSTTI POLITICI X LA DISTRUZIONE – ASSURDO!!)

Expansion.com 9.4.20

La cancelliera tedesca Angela Merkel ha insistito giovedì che il suo governo si oppone alla “mutualizzazione del debito”, mentre il presidente della BCE ha assicurato che non è possibile rispondere alla crisi del coronavirus Covid-19 con “ricette del passato” .

“L’Unione europea deve affrontare uno dei test più difficili, se non il più difficile”, ha riconosciuto la Merkel quasi contemporaneamente all’incontro telematico tra i ministri delle finanze e dell’economia della zona euro, che hanno il compito di dirigere l’UE a concordare misure contro tali conseguenze.

La Merkel ha ribadito che Berlino non pensa ad altri strumenti per questo oltre a quelli esistenti: il meccanismo europeo di stabilità (MES), la Banca europea per gli investimenti e il fondo anti-disoccupazione proposto dalla Commissione europea.

Un nuovo colpo economico 

Da parte sua, Christine Lagarde, presidente della BCE, ha assicurato che “le autorità di tutto il mondo si stanno mobilitando per combattere il coronavirus. Covid-19 è un colpo economico completamente nuovo al quale non è possibile rispondere con le ricette del passato Abbiamo bisogno di politiche che si occupino soprattutto delle persone più esposte a questa crisi “, ha affermato Lagarde in un blog pubblicato sul sito web della BCE. 

L’ex ministro francese ha indicato che questa crisi è “speciale” perché la caduta “drastica” dell’attività economica è una conseguenza della decisione di costringere i lavoratori a rimanere a casa. “Ciò crea la necessità di impedire la chiusura delle aziende vitali e la perdita dei posti di lavoro dei dipendenti a causa di una crisi transitoria per la quale non sono colpevoli”, ha aggiunto Lagarde, dopo di che ha assicurato che i lavoratori sono in la situazione di rischio più grave dagli anni ’30.

In questo senso, il presidente della BCE ha sostenuto di mantenere l’economia in uno “stato dormiente”, il più vicino possibile al suo stato prima che l’epidemia virale iniziasse ad espandersi. 

Sul blog, Lagarde ha anche spiegato le misure che la BCE ha adottato nelle ultime settimane per sostenere l’economia, tra cui un pacchetto di acquisto di asset da 750.000 milioni e aste di liquidità con condizioni vantaggiose per sostenere il prestito per parte del settore bancario. 

“Dalla BCE non tollereremo condizioni di finanziamento che peggioreranno nel mezzo di uno dei più grandi cataclismi macroeconomici vissuti nei tempi moderni. Ma la nostra risposta sarà più forte se tutte le politiche si rafforzano a vicenda”, ha affermato il banchiere centrale. 

Inoltre, ha assicurato che i governi devono “sostenersi a vicenda per poter dare una risposta ottimale insieme” al coronavirus. Questa dichiarazione arriva poco prima che l’Eurogruppo riprenda la riunione telematica per decidere su un piano d’azione comune e in cui verrà discussa la possibilità di emettere mutui, denominata Eurobond.