Messaggio allo staff Ilcapo Airbus avverte i dipendenti del fallimentoIl futuro della compagnia aerea è in pericolo a causa della pandemia. Sono previste misure drastiche.

Tagesanzeiger.ch 27.5.20

Il produttore di aeromobili europeo Airbus ha effettuato una valutazione tetra degli effetti della crisi del coronavirus. L’amministratore delegato Guillaume Faury ha chiesto ai circa 135.000 dipendenti del gruppo di prepararsi per tagli di lavoro e drastiche misure di riduzione dei costi.

La sopravvivenza di Airbus sarebbe in pericolo se la compagnia non intraprendesse alcuna azione, Faury ha detto in un messaggio interno alla forza lavoro, disponibile per l’agenzia di stampa Reuters, su cui Bloomberg ha riferito per la prima volta.

Il produttore di aeromobili ha iniziato ad attuare programmi sponsorizzati dal governo per prendere congedo da circa 3.000 lavoratori in Francia “, ma ora potremmo aver bisogno di pianificare misure di più ampia portata”, ha detto Faury. Per limitare i deflussi di denaro, Airbus ha annunciato questo mese che avrebbe ridotto la produzione di modelli più piccoli di un terzo a 40 getti al mese.

Cattive paure

Inoltre, gli obiettivi per i jet più grandi sono stati ridotti: la produzione di velivoli a corpo largo sarà ridotta fino al 42 percento. “In altre parole, abbiamo perso circa un terzo della nostra attività in poche settimane”, ha scritto Faury nella lettera. “E, francamente, non è nemmeno lo scenario peggiore che potremmo dover affrontare.”

L’amministratore delegato ha affermato che il nuovo piano di produzione rimarrà in vigore fino a quando non sarà possibile una valutazione più approfondita della domanda. Faury assume un periodo da due a tre mesi. Era ancora troppo presto per valutare appieno gli effetti del virus corona sull’industria aeronautica e il ritmo di una ripresa del mercato. Airbus non ha commentato la comunicazione interna.

Alla fine di marzo, Airbus aveva già annunciato che non voleva superare la crisi senza aiuti di Stato. Con una linea di credito aggiuntiva di oltre dieci miliardi di euro e un taglio del dividendo, il gruppo ha voluto rendersi resistente alle intemperie per il drastico crollo dell’aviazione e i fallimenti imminenti delle compagnie aeree. (SDA)