UBS: il Capitano Khan accelera la super petroliera

Finews.ch 28.4.20

Data l’enorme volatilità dopo lo scoppio della pandemia di coronavirus, il reddito delle transazioni è salito del 46% nel primo trimestre a $ 1,1 miliardi. Allo stesso tempo, il reddito delle commissioni ha continuato a crescere nonostante il calo delle attività, e anche il reddito da interessi è aumentato leggermente. 

Anche se il tumulto del mercato azionario è stato il fattore decisivo, UBS è stato fortunato con i tempi. Nelle prime settimane di gennaio, il capo della gestione patrimoniale Tom Naratile il suo co-responsabile Iqbal Khan hannoavviato una conversione che avrebbe dovuto , tra l’altro, ridurre la distanza tra i produttori di prodotti e i clienti della banca d’investimento. 

Consulenti clienti animati

Con il rinnovamento, che interessa le regioni di Khan più delle Americhe sotto Naratil, il primo ha realizzato qualcosa che il suo predecessore Martin Blessing ha fallito:   accelerare il famigerato lento “Supertanker” UBS con i suoi 2.300 miliardi di beni investiti e chiudere i consulenti dei clienti Animare l’eccellenza.

Il confronto con il precedente, più piccolo, datore di lavoro del Credit Suisse è sorprendente : i profitti al lordo delle imposte sono aumentati del 17% in tutte le attività di private banking e il reddito da negoziazione è aumentato del 31% a 784 milioni di franchi. 

Opinione coerente

In UBS, la ragione di questo successo si trova anche nel Chief Investment Office sotto Mark Haefele . Nel primo trimestre, il suo team ha raggiunto 95.000 clienti della banca attraverso eventi, solo a marzo la banca ha pubblicato 13.000 rapporti di ricerca globali. L’opinione unificata sulla giusta strategia di investimento a sua volta ha aiutato i consulenti dei clienti a mantenere i clienti in linea, ha affermato. 

Oltre a questi aspetti organizzativi, UBS ha anche beneficiato della sua forte presenza in Asia, dove, come in tutto il mondo, è la più grande banca privata. All’inizio della crisi, UBS ha beneficiato più a lungo della volatilità associata. 

Asia di successo

La regione dell’Asia del Pacifico ha generato il maggior contributo di profitto per l’unità. Con $ 398 milioni, era più del doppio rispetto allo scorso anno, con Apac che generava solo un terzo delle entrate dalla regione molto più grande delle Americhe. 

È improbabile che il buon rapporto costi-ricavi (CIR) del 50% in Asia e del 72,4% nella gestione patrimoniale in tutto il mondo rimanga basso. La stessa crisi che ha strappato i clienti alla loro letargia di lunga data nel primo trimestre metterà sotto pressione gli affari in futuro. 

Come ha affermato UBS nel suo stesso comunicato stampa: “I prezzi delle attività più bassi influenzeranno il nostro reddito derivante da commissioni ricorrenti, i tassi di interesse più bassi avranno un impatto negativo sul reddito da interessi netto e è probabile che l’attività dei clienti diminuisca e incida sul reddito basato sulle transazioni”.