Swiss Re ha registrato una perdita nel primo trimestreIl riassicuratore Swiss Re ha chiuso il primo trimestre del 2020 in perdita. Il rinvio delle Olimpiadi estive e i costi risultanti hanno depresso i risultati.

Blick.ch 30.4.20

Anche la riorganizzazione della sofferente divisione Corporate Solutions e le distorsioni delle borse mondiali hanno avuto un impatto negativo sugli utili, come annunciato Swiss Re giovedì.

Da gennaio a marzo, Swiss Re ha subito una perdita di $ 225 milioni. Nello stesso periodo dell’anno scorso, il gruppo aveva realizzato un profitto di 429,0 milioni. E gli analisti si erano addirittura aspettati un deficit di 325 milioni in anticipo.

Swiss Re sta anche avvertendo gli effetti della pandemia della corona. Lo si può vedere, ad esempio, nella divisione riassicurazione non vita, dove il rinvio o la cancellazione di eventi importanti e anche le catastrofi naturali hanno gravato sul conto nel trimestre iniziale.

Al 110,8 percento, il rapporto perdite / perdite rilevante per le attività della divisione era al di sopra della soglia del 100 percento, come nell’anno precedente (110,3 percento). Ciò significa che vengono scritte le perdite di sottoscrizione. Senza le influenze di Covid 19, sarebbe stato del 97 percento.

Nella divisione assicurativa primaria Corporate Solutions, il rapporto combinato si attesta al 125,8 percento dopo il 116,3 percento dell’anno precedente ad un livello molto alto e quindi scarso. La ragione di ciò sono anche le conseguenze di Covid-19 e della ristrutturazione del business, che costa denaro. Sono stati costruiti accantonamenti per un totale di $ 223 milioni, con una perdita di $ 167 milioni.

Il tumulto del mercato innescato dalla crisi della corona ha messo a dura prova gli investimenti di Swiss Re. Il gruppo ha quindi registrato perdite di rivalutazione di $ 300 milioni sulle proprie attività nel primo trimestre. Tuttavia, la copertura ha supportato il risultato, che ha comportato un ritorno sugli investimenti del 3,2%.

Swiss Re si vede anche capitalizzata nei tempi attualmente turbolenti. Il coefficiente patrimoniale secondo lo Swiss Solvency Test (SST) è ancora significativamente al di sopra della soglia del 200 percento e quindi a un livello molto buono.

(SDA)