Air France-KLM: l’ingresso dei Paesi Bassi nella capitale era “irregolare”Nel febbraio 2019, il governo olandese ha annunciato di aver acquisito una partecipazione nella compagnia aerea, al fine di mantenere una partecipazione identica a quella dello stato francese. La transazione, annunciata “dopo il fatto”, era “irregolare”, ha dichiarato mercoledì la Corte dei conti olandese.

Lesechos.fr 20.5.20

All’epoca, nel febbraio 2019, la decisione suscitò forti reazioni in Francia. Il governo olandese aveva sorpreso tutti annunciando che avrebbe investito il 14% in Air France-KLM, quasi quanto la Francia (14,29%).

Questa decisione, presa dal Ministro delle finanze olandese per influenzare il futuro del gruppo del trasporto aereo, è stata presa senza consultare il governo francese … ma anche senza quello dei parlamentari olandesi.

Mercoledì scorso, la Corte dei conti olandese ha dichiarato in una dichiarazione che lo stato avrebbe dovuto informare preventivamente il Parlamento della sua iniziativa. I ministri “devono informare preventivamente il Parlamento su tali transazioni” e non presentare loro ripensamenti, ha affermato la corte. “Dal nostro punto di vista, la transazione era quindi irregolare”, ha aggiunto.

L’operazione non verrà annullata

Lo stato olandese si è giustificato spiegando che se avesse rivelato le sue intenzioni, avrebbe potuto essere simile all’insider trading e aumentare artificialmente il prezzo delle azioni del gruppo, rendendo l’acquisizione di questa partecipazione più costoso.

Quando i Paesi Bassi hanno rifiutato di prendere una partecipazione in Air France-KLM …

Gli scenari di Ben Smith per salvare Air France-KLM

Wopke Hoestra, il ministro delle finanze, sottolinea di aver affrontato un “dilemma” in quel momento per quanto riguarda le due regole che sembrano contraddittorie. Ha aggiunto che avrebbe esaminato se un cambiamento nella legge fosse necessario o possibile.

Nelle sue conclusioni, la Corte non ha chiesto di annullare l’operazione, ma ha formulato una serie di raccomandazioni, in particolare invitando il governo a evitare che una simile situazione si verifichi in futuro.

Oggi, mentre il settore aereo è uno dei più colpiti dalla crisi del coronavirus, potrebbe essere la volta dello Stato francese di aumentare il capitale di Air France-KLM. Questa possibile acquisizione di capitale proprio è stata raccolta al fine di salvare il gruppo, che ha già ottenuto in aprile un massiccio aiuto di 7 miliardi di euro in prestiti alla Francia.