Arnault è l’ultimo miliardario a investire in Lagardere

e 25 maggio 2020, 13:23 CESTAggiornato il 25 maggio 2020, 14:18 CEST Bloomberg.com

  • Terzo miliardario che verrà in soccorso del conglomerato dei media
  • La struttura di Lagardere potrebbe non cambiare, dicono gli analisti di Oddo

Bernard Arnault è l’ultimo miliardario a investire nella società di media francese Lagardere , sostenendo l’erede in debito del fondatore Jean-Luc Lagardere e prendendo parte alla società, che ha anche interessi nel commercio al dettaglio e nell’editoria.

Il magnate ha annunciato che ha accettato di acquisire l’equivalente di un quarto di Lagardere Capital and Management, la partecipazione di Arnaud Lagardere che sovrintende alla sua partecipazione all’interno dell’omonimo gruppo. Les Echos ha riferito che l’acquisizione valeva meno di 100 milioni di euro ( $ 109 milioni ). Lo stock è aumentato fino al 15%.

Arnault, capo del colosso del lusso LVMH, è il terzo miliardario francese a partecipare a Lagardere dopo che il fondo attivista Amber Capital UK LLP ha richiesto importanti cambiamenti al conglomerato. Vincent Bollore e Marc Ladreit de Lacharriere hanno recentemente iniettato fondi nella società merlata.

Lagardere era un gruppo tentacolare che abbracciava il settore aerospaziale, automobilistico e dei media fino a quando il suo azionista di controllo Jean-Luc Lagardere è morto nel 2003. Arnaud, suo figlio, ha gettato via gran parte degli affari per abbandonare la produzione. Ora è concentrato su due unità: case editrici di libri, come Hachette e Grasset, e viaggi al dettaglio, con negozi in aeroporti e stazioni ferroviarie.

Per saperne di più: Stabilimento francese Ricambi Lagardere Umiliazione: Chris Hughes

Lagardere controlla alcuni dei principali punti vendita della Francia tra cui il Journal du Dimanche, la stazione radio Europe1 e l’iconica rivista Paris Match. Quest’ultimo investimento consentirà ad Arnault di aumentare il suo raggio d’azione. Il miliardario possiede Radio Classique, Le Parisien e Les Echos, due quotidiani nazionali.

Dopo il trasloco, la società potrebbe essere in grado di resistere alle pressioni di Amber per un importante rinnovamento, scrivono gli analisti di Oddo.

Amber, che detiene una partecipazione del 18%, ha chiesto un cambio di governance e un consiglio più indipendente. Lo status di società in qualità di società in nome collettivo consente a Arnaud Lagardere di dominare ampiamente, sebbene detenga solo il 7,3% delle azioni.

Jospeh Oughourlian, CEO di Amber Capital, ha affermato che se la cifra riportata in Les Echos è corretta, “ciò significherebbe un enorme premio per il prezzo delle azioni. E la combinazione di un enorme premio e l’ingresso di Bernard Arnault, la Rolls Royce del capitalismo francese, può solo essere considerata positiva per il prezzo delle azioni Lagardere ”. Ha parlato con Bloomberg lunedì.

Il 5 maggio, Ladreit e Bollore si sono schierati con lo status quo a Lagardere in seguito alla campagna di due anni di Amber per scuotere la governance.

Per saperne di più: L’attivista perde la battaglia con Scion of Lagardere Business Empire

L’acquisizione di Arnault ha annunciato lunedì che è stata completata contemporaneamente alla società di media di Bollore, Vivendi SA, che ha aumentato la sua partecipazione a oltre il 16% dall’11%. Vivendi è diventato il mese scorso il terzo maggiore azionista dopo Amber e la Qatar Investment Authority.

Le intenzioni dei miliardari sul futuro di Lagardere rimangono poco chiare.

Oddo ha affermato che “la famiglia Arnault potrebbe anche essere interessata ad alcune risorse multimediali di Lagardere”.

Un portavoce di LVMH ha rifiutato di commentare oltre la dichiarazione di lunedì.