FCA vieta l’addebito potenziale sui trasferimenti di DB

Internationalinvestment.net 5.6.20

La Financial Conduct Authority (FCA), l’autorità di regolamentazione del Regno Unito, questa mattina ha vietato l’uso di addebiti contingenti nella consulenza sul trasferimento a benefici definiti (DB).

In una dichiarazione politica pubblicata oggi, l’autorità di regolamentazione ha affermato che il divieto eliminerà i conflitti di interesse che sorgono quando un consulente finanziario viene pagato solo se un trasferimento procede.

La FCA riconosce che, sebbene la consulenza abbreviata non piacerà a tutti i consumatori, le aziende potrebbero essere in grado di attrarre clienti che altrimenti non sarebbero disposti a pagare per una consulenza completa. “

 La dichiarazione recita: “Riconosciamo che, sebbene la consulenza abbreviata non piacerà a tutti i consumatori, le aziende potrebbero essere in grado di attrarre clienti che altrimenti non sarebbero disposti a pagare per la consulenza completa”.

Per quanto riguarda le “circostanze specifiche” in cui sarà ancora consentito l’addebito potenziale quando il divieto entrerà in vigore, la FCA ha dichiarato che questi clienti avranno “determinate circostanze identificabili”. Si tratta di persone che potrebbero non essere in grado di permettersi costi di consulenza non contingenti e che hanno maggiori probabilità di beneficiare della consulenza. 

In particolare, la FCA ha affermato che questi clienti vulnerabili si dividono in due gruppi: “Il primo è quelli che hanno una malattia o una condizione specifica che causa un’aspettativa di vita materialmente ridotta. Il secondo è quelli che potrebbero trovarsi di fronte a gravi difficoltà finanziarie come, ad esempio, perdere la casa perché non sono in grado di effettuare mutui o canoni di locazione “.

Tuttavia, la FCA ha affermato che quei clienti specifici, che sono un’eccezione al divieto, non dovrebbero pagare costi più elevati di quelli che non pagano commissioni potenziali. Il cane da guardia ha anche detto che alcune aziende hanno precedentemente addebitato meno consulenza per i casi in cui la decisione non era di trasferire. In base a nuove regole, tuttavia, le aziende dovranno fissare un costo totale per i loro consigli DB.

Nel tentativo di impedire l’entrata in vigore di un divieto, un certo numero di persone ha dichiarato alla FCA che un divieto avrebbe conseguenze non intenzionali. Questi includevano: 

• un aumento della percentuale di trasferimenti raccomandati, in quanto i consulenti sarebbero riluttanti a dare “consigli di non fare nulla” quando devono addebitare importi significativi  

• al contrario, altri hanno ritenuto che ci sarebbe stata una crescita nella percentuale di raccomandazioni da non trasferire come sarebbe essere “soldi facili”  

• una potenziale crescita di clienti insistenti che potrebbero ritenere di avere il diritto di trasferire, avendo pagato per consulenza, dando luogo a società di consulenza e fornitori più autonomi che effettuano questi trasferimenti per clienti insistenti

Alcune aziende hanno anche messo in dubbio la necessità di regole supplementari per le imprese integrate verticalmente. Sostennero che tali società che raccomandavano solo i propri prodotti dopo il trasferimento presentavano un ulteriore livello di conflitti di interesse. Gli intervistati ai documenti della FCA hanno suggerito di poter applicare le regole facendo pagare di più per i loro prodotti e meno per il consiglio effettivo una volta che fosse stato messo in atto un divieto.

In risposta a tali preoccupazioni, la FCA ha dichiarato: “Siamo d’accordo sul fatto che i VIF non dovrebbero essere autorizzati a sovvenzionare in modo incrociato gli addebiti per la consulenza sui trasferimenti di pensione con gli addebiti sui prodotti e a ridurre le altre società di consulenza a causa del loro modello di business. Consideriamo sia le nostre norme esistenti che le norme di attuazione del divieto di imposizione potenziale impediscono ciò “.

Motivazione
L’FCA ha formulato diversi punti per delineare il proprio ragionamento nel mettere in atto la tariffazione del trasferimento di DB. Questi includono:

• Esiste un chiaro conflitto di interessi nell’addebito su base contingente per la consulenza sul trasferimento di DB in cui gli unici due risultati sono il trasferimento o non il trasferimento

• Esiste una coincidenza di consulenza da trasferire e addebito contingente: la maggior parte dei consigli si traduce in una raccomandazione al trasferimento e la maggior parte delle imprese addebita contingentemente

• La maggior parte dei consumatori non sarà materialmente danneggiata rimanendo nel loro attuale schema di DB se scelgono di non prestare consulenza e gli intagli significano che ci sarà solo un piccolo numero di consumatori che probabilmente trarranno beneficio da un trasferimento ma non possono permettersi consigli

• Poiché la maggior parte dei consumatori non trarrebbe beneficio da un trasferimento, la FCA si aspettava che il divieto fosse efficace nel ridurre sia il numero di consumatori che procedono a un trasferimento seguendo i consigli sia il danno che i trasferimenti inadatti causano

• Un divieto attribuisce un valore alla consulenza stessa anziché a una transazione, contribuendo così a migliorare l’integrità del mercato

• Un divieto impedisce i sussidi incrociati da parte di coloro che trasferiscono e pagano importi eccessivi, con un massimo di £ 10.000 non atipici, per una consulenza gratuita o a basso costo per coloro che non trasferiscono

• Nell’attuale modello di addebito, i consumatori non riconoscono o valutano il costo del trasferimento poiché è ridotto dal valore del trasferimento offerto e dedotto solo dopo che il trasferimento è stato effettuato

L’industria reagisce
Hugh Savill, direttore di condotta e regolamentazione dell’Associazione degli assicuratori britannici (ABI), ha dichiarato: “Il divieto di addebito contingente è il benvenuto e ciò che abbiamo richiesto. È la cosa giusta da fare. Accogliamo con favore che vengano fatte esclusioni per i clienti che si trovano ad affrontare un’aspettativa di vita ridotta o gravi difficoltà finanziarie. Alcuni clienti vulnerabili che possono beneficiare di un trasferimento e non possono permettersi una consulenza finanziaria in anticipo potrebbero trovare il modello di addebito contingente che funziona meglio per loro. sii appropriato. “

Tuttavia, molti nel settore sono stati fortemente critici riguardo l’annuncio di oggi. Andrew Tully, direttore tecnico di Canada Life, ha dichiarato: “L’accusa potenziale è stata una questione controversa per un po ‘di tempo e la FCA sta introducendo un divieto con le regole in atto per impedire alle aziende di giocare nel sistema. È quasi impossibile mostrare un legame tra l’addebito contingente e consulenza inadeguata. Ma i consulenti che vengono pagati solo se procede un trasferimento creano un conflitto di interessi e una percezione che potrebbero essere più propensi a raccomandare un trasferimento. “

Tully ha aggiunto: “La consulenza abbreviata dovrebbe consentire alle aziende di offrire consulenza a un costo inferiore rispetto a una situazione di consulenza completa e potrebbe aiutare a filtrare i clienti per i quali è improbabile che un trasferimento sia adatto. Vale la pena evidenziare che la consulenza abbreviata non può mai portare direttamente a un raccomandazione di trasferimento. Il risultato sarà una raccomandazione “non trasferire” o un passaggio alla consulenza completa. In quest’ultimo caso, le commissioni di consulenza che il cliente ha pagato per la consulenza abbreviata dovrebbero essere compensate con le commissioni per la consulenza completa. “

Andy Bell, amministratore delegato di AJ Bell, era molto critico nei confronti della mossa, descrivendola come “una perdita di tempo”.

“L’obiettivo della FCA dovrebbe essere quello di assicurarsi che i consigli siano personalizzati in base al risparmiatore delle pensioni e forniti in una forma che possano comprendere. Vietare la tariffazione contingente scambia una serie di problemi con un’altra e non arriva al nocciolo della questione. Soprattutto , I trasferimenti DB diventeranno ora un’opzione disponibile solo per i ricchi.

“Le regole di consulenza DB necessitano di una revisione di radice e ramo. Troppa parte del processo di consulenza comporta il tentativo di capire se il valore di trasferimento offerto è un buon rapporto qualità-prezzo. Francamente, questo è uno spreco di tempo in quanto vi è un obbligo per la cessione attuario di sistema per certificare che il valore di trasferimento riflette in modo equo i benefici definiti che vengono abbandonati “, ha detto Bell.