Il procuratore perquisisce la sede di WirecardSecondo le informazioni SPIEGEL, l’autorità di regolamentazione finanziaria BaFin ha indicazioni del fatto che il processore di pagamento Wirecard potrebbe aver manipolato il mercato azionario. I locali commerciali sono stati quindi perquisiti.

Di Tim Bartz spiegel.de 5.6.20

Aumenta la pressione sul boss Wirecard Markus Braun. Secondo le informazioni SPIEGEL, l’autorità di regolamentazione finanziaria BaFinindica che la società DAX avrebbe potuto manipolare il mercato azionario. Pertanto, ha presentato una denuncia all’ufficio del procuratore di Monaco contro Braun e i suoi tre colleghi nel consiglio di amministrazione – un passo che l’autorità raramente compie. Inoltre, venerdì è stata perquisita la sede commerciale del Gruppo presso la sua sede ad Aschheim, vicino Monaco.

Il procuratore ha confermato l’informazione. L’occasione è con due avvisi obbligatori Wirecard forse fuorvianti dal 12 marzo al 22 aprile. In questi casi, il responsabile del pagamento ha informato i suoi investitori di un rapporto speciale, per non parlare della pubblicazione, che non era stato ancora completato all’epoca e che lui stesso aveva commissionato alla società di revisione KPMG nell’autunno 2019.

Il motivo del rapporto era costituito dalle accuse secondo cui Wirecard stava parrucchiere i suoi bilanci, fingendo affari e inventando partner commerciali. Inizialmente, l’opinione degli esperti doveva essere pubblicata all’inizio del primo trimestre e, spera Wirecard, alleggerirà la società e darà una spinta alla sua quota. In effetti, KPMG ha presentato il rapporto solo alla fine di aprile, con alcune conclusioni devastanti sulla gravità della gestione . Gli esperti non hanno trovato alcuna prova di inganno. Ma a KPMG mancavano documenti importanti e accesso al sistema IT per il completo chiarimento di tutte le accuse . Le date delle interviste con i dirigenti di Wirecard sono state rinviate più volte dalla società.

Indizi su informazioni fuorvianti

Anche se il parere degli esperti è stato ritardato, Wirecard ha già dato l’impressione nelle sue comunicazioni obbligatorie che la società non avesse nulla da temere prima della pubblicazione. Il titolo dell’annuncio obbligatorio del 12 marzo afferma: “L’indagine speciale della KPMG non ha alcun impatto sul bilancio annuale del periodo dell’inchiesta nelle aree di indagine dell’India, di Singapore e di Merchant Cash Advance”. L’annuncio del 22 aprile è intitolato: “Le indagini speciali della KPMG continuano fino al 27 aprile 2020. Finora le indagini non hanno fornito prove di manipolazione del bilancio”. 

Secondo le informazioni SPIEGEL, Bafin vede indicazioni di informazioni fuorvianti prima della pubblicazione del rapporto KPMG – e quindi per manipolazione del mercato basata sull’informazione. SPIEGEL.de aveva già riferito l’8 maggio che poteva arrivare così lontano .

La stessa Bafin non ha voluto commentare il caso su richiesta. Ha solo annunciato che avrebbe segnalato qualsiasi indicazione di informazioni tardive, incomplete o fuorvianti sulle informazioni privilegiate. Il pubblico ministero non ha fornito ulteriori informazioni sul risultato della ricerca e ulteriori passaggi “, anche al fine di non influenzare il prezzo delle azioni della società”.

L’aria si sta assottigliando

Con lo sviluppo attuale, l’aria sta diventando sempre più sottile per Braun e i suoi colleghi Jan Marsalek, Alexander von Knoop e Susanne Steidl. Le critiche degli investitori si concentrano su Braun e Marsalek, che hanno lavorato nel gruppo per decenni. Braun è anche un importante azionista con un buon sette percento.

I contratti di tutti e quattro i membri del consiglio terminano il 31 dicembre di quest’anno, il che è anche estremamente insolito. In passato, il presidente del Consiglio di vigilanza Thomas Eichelmann ha chiarito che un’estensione dei contratti dipende anche dal fatto che Wirecard e i suoi dirigenti siano usciti dai titoli. Questo non si può dire dopo il passo di oggi.

E i prossimi showdown sono imminenti: Wirecard vuole finalmente presentare il suo bilancio per il 2019 il 18 giugno; la pubblicazione ha dovuto essere rinviata più volte perché il rapporto KPMG non era ancora disponibile. Alla fine di agosto, si svolgerà l’Assemblea generale annuale, originariamente datata in precedenza. Potrebbe essere l’ultimo per il CEO Braun e i suoi colleghi.