PESTICIDI / LE MAFIE GESTISCONO IL 20 PER CENTO DEL MERCATO

8 Giugno 2020 di: MARIO AVENA lavocedellevoci.it

Le mafie controllano una grossa fetta del mercato illegale dei pesticidi.

Lo documenta in una dettagliata inchiesta il Washington Post, secondo cui circa il 20 per cento dei commerci di pesticidi in tutto il mondo è gestito dal crimine organizzato, per un giro d’affari annuo da circa 20 miliardi di dollari.

Il servizio del quotidiano si sofferma in particolare sul ruolo di recente svolto dalla mafia brasiliana che acquista i principi attivi dalla Cina, li trasporta attraverso il confine con il Paraguay, quindi li lavora – sintetizzandoli – e poi li vende al mercato nero in Brasile.

Anche in Europa la situazione non è molto differente, con il 13,8 per cento dei pesticidi di provenienza illegale.

Tutto ciò ha pesantissime conseguenze sulla salute di contadini, agricoltori e di tutti i cittadini che consumano prodotti contaminati. Ogni anno, secondo le stime più attendibili, si registrano oltre 3 milioni di intossicati e 200 mila morti. I più colpiti sono i campesinos dei paesi in via di sviluppo.