UBS rifiuta di prelevare CHF 300’000 in contantiQuando il cliente si difende, la banca lo mette fuori dalla porta. Dopo la protesta, il quartier generale ha annullato la decisione.

Insideparadeplatz.ch 9.6.20

Cara signora …, dopo aver trasferito una vendita di proprietà, vorrei ordinare un pagamento in contanti più grande: CHF 300’000.-. Venerdì sarebbe possibile ritirarlo? “

Con queste frasi, scritte da un cliente UBS di vecchia data al suo consulente presso la filiale di Frick in Argovia, inizia un caso che solleva la domanda: UBS ha i suoi affari sotto controllo?https://tpc.googlesyndication.com/safeframe/1-0-37/html/container.html?n=0

La richiesta di un maggiore prelievo di contanti è stata presentata il 22 aprile. Il cliente non pensava a nulla di speciale, tranne che preferiva il denaro contante in base alla sua valutazione dell’economia.

Non avrebbe mai immaginato che il suo desiderio di denaro avrebbe colpito un nervo che avrebbe portato a infinite domande e chiarimenti, con un risultato serio e alla fine di una svolta a 180 gradi del quartier generale.

“Si tratta di una richiesta / transazione insolita, che dobbiamo verificare per plausibilità”, ha dichiarato il consulente bancario del cliente il 23 aprile, un giorno dopo la richiesta di contanti superiore a CHF 300000.

<img src="data:image/svg+xml;charset=utf-8,

“Richiesta eccezionale” (UBS, IP)

Il cliente deve inviare alla banca “il contratto di vendita dell’immobile” in modo che UBS possa quindi inviargli “documenti per la firma”, dopodiché verrà fissato un appuntamento presso la filiale Rheinfelden AG.

“Spero ancora che possiamo convincervi a non prelevare l’importo in contanti per motivi di sicurezza e assicurazione”, ha dichiarato il consulente alla coscienza del cliente.

“Non abbiamo interessi negativi per questo ammontare di proprietà e ci sono altre opzioni per proteggere i beni”.

Il cliente è rimasto con esso: voleva i CHF 300’000 in contanti. Ha inviato a UBS una “promessa irrevocabile di pagare” da ZKB, con il nome dell’acquirente della proprietà.

Ciò ha dimostrato che i soldi provenivano da un accordo con una casa in Svizzera, con un indirizzo chiaro, con i nomi degli acquirenti, compresi quelli a casa in Svizzera, tutti attestati da ZKB, la banca che ha acquistato la proprietà.

Ben documentato, tutto bene. Non per UBS.

Si voltò di lato, sempre di più. Apparentemente non voleva semplicemente effettuare un pagamento in contanti di questo importo.

Il comportamento della grande banca stava innervosendo il cliente. Sentiva di non fidarsi delle domande e dei requisiti costantemente nuovi di UBS.

“Ciò che provo in relazione alla mia richiesta conferma che devo garantire la mia liquidità senza una banca:

Se la banca fosse preoccupata per il riciclaggio di denaro sporco, ha continuato, allora avrebbe “fatto il controllo di plausibilità quando il pagamento era stato ricevuto, non in caso di pagamento in contanti”.

Coloro che pensavano che le cose sarebbero andate avanti rapidamente si sono sentiti ingannati. UBS è rimasto testardo, chiedendo costantemente maggiori informazioni.

“Purtroppo, devo anche aspettare (sic!) Il contratto di acquisto firmato”, ha scritto il capo dell’ufficio UBS Frick. Era il 27 aprile. Il caso si era spostato nella gerarchia.

Il cliente non voleva più accettare la domanda e i dubbi sulla sua serietà.

Il 30 aprile, ha fornito al responsabile della conformità e controllo del rischio operativo presso UBS Svizzera una descrizione dettagliata del processo che circonda il suo desiderio di prelevare molti soldi.

“Non accetto la negazione dell’accesso ai miei beni presso UBS e il ritardo nell’elaborazione della mia richiesta di pagamento”, ha concluso la sua lettera.

Ora spera in un “pronto intervento sul fronte”. Quello è stato fatto. Ma non come previsto dal cliente.

“Cessazione della relazione d’affari n. …”, la “UBS Switzerland AG” di Frick ha diretto la lettera del 5 maggio. Registrato.

<img src="data:image/svg+xml;charset=utf-8,

“Solo fino al 27 maggio” (UBS, IP)

“In base all’art. 18 dei nostri termini e condizioni generali, con la presente terminiamo il rapporto commerciale di cui sopra”, seguito come una ragione concisa.

La pausa è stata rapida e brutale.

“Elaborare le transazioni di pagamento in un altro modo in futuro; Ordini di pagamento, eseguiremo solo fino al 27 maggio, quindi i pagamenti in entrata verranno rifiutati al mittente. “

Anche tutte le carte sono state colpite. “A causa della cancellazione, bloccheremo queste carte il 28 maggio 2020. Ti rimborseremo per la quota annuale già pagata. “

Tabula rasa. Dopo quasi quattro decenni di relazione.

Il cliente non poteva credere ai suoi occhi. Ha dato alla banca un termine ultimo per invertire questa decisione.

Ed ecco: c’era una forcina. Il 29 maggio UBS ha informato il cliente che si sarebbe ritirato dal contratto.

<img src="data:image/svg+xml;charset=utf-8,
“Privo di ogni sospetto” (UBS, IP)

“Ci rammarichiamo per lo sviluppo della relazione con il cliente e per gli eventi delle ultime settimane e stiamo ritirando la nostra risoluzione in conformità con l’articolo 18 delle nostre condizioni generali”, ha affermato la direzione regionale di Basilea di UBS Switzerland AG.

Ha chiesto “la comprensione del fatto che siamo legalmente obbligati a controllare transazioni insolite o renderle plausibili, al fine di proteggere i nostri clienti da possibili frodi”.

“Possiamo assicurarvi che si tratta di verifiche che noi come banca dobbiamo fare senza accuse o sospetti nei vostri confronti.”

Il ritiro dei “300.000 franchi in contanti” è ora “possibile senza problemi dopo aver preso un appuntamento. Inoltre non c’è nulla che ti impedisca di spostarti in una “filiale UBS diversa”.

Alla fine della lettera, UBS prova a levigare le onde con un gesto verso il cliente e sua moglie.

“Non vediamo l’ora di darvi il benvenuto nuovamente come clienti soddisfatti in uno dei nostri uffici UBS nel prossimo futuro.”

La lettera di scuse è stata firmata da due direttori di banca. Un portavoce di UBS a Zurigo ha dichiarato ieri di non voler commentare il caso.

Questo mostra due cose. Innanzitutto, i banchieri delle filiali UBS ovviamente non sanno come gestire la propria attività. In secondo luogo, la multinazionale finanziaria è in grado di correggere errori.