Cattolica Assicurazioni affonda dopo S&P. Dividendo bond slitta? ( BEDONI SEMPRE PIÙ ALL ANGOLO DEL KO – FRATTA PASINI AVANZA)

DAVIDE PANTALEO trend -online.com 11.6.20

In una giornata in cui uno tsunami di vendite si sta abbattendo su Piazza Affari. prosegue in forte ribasso anche la seduta di Cattolica Assicurazioni che mostra più debolezza dell’indice di riferimento.

Cattolica Assicurazioni affonda con forti volumi di scambio

Il titolo, dopo aver chiuso la sessione di ieri con un rialzo dello 0,3%, oggi è travolto dalle vendite, passando di mano a 3,808 euro, con un affondo del 5,98%.

Il ribasso odierno è alimentato da forti volumi di scambio, visto che fino ad ora sono transitate sul mercato quasi 2 milioni di azioni, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a poco più di 1 milione.

Cattolica Assicurazioni: S&P conferma rating, ma taglia debito

Cattolica Assicurazioni perde pesantemente anche se ieri S&P ha confermato il rating BBB del gruppo, ma ha contestualmente abbassato di un notch il rating del debito subordinato Tier 2 da BB+ a BB. L’outlook rimane negativo, riflettendo quello del debito sovrano italiano.

Cattolica Assicurazioni: la view degli analisti di S&P

La decisione riflette la view dell’agenzia S&P secondo cui la performance operativa e la solidità finanziaria di Cattolica Assicurazioni restano immutati nonostante la volatilità del Solvency ratio,sceso al 122% il 22 maggio scorso, e gli effetti di Covid-19.

Cattolica Assicurazioni: dividendo bond non sarà differito

Il downgrade del debito Tier 2 riflette invece un incremento del rischio, giudicato da S&P comunque come “remoto”, del differimento del pagamento della cedola degli strumenti in seguito al calo del Solvency, vicino alla soglia minima regolamentare.

Il differimento del pagamento cedolare è previsto infatti nel caso in cui il Solvency scenda sotto l’SCR.

Cattlica Assicurazioni soto la lente di Equita e di Mediobanca

All’indomani di queste indicazioni gli analisti di Equita SIM ribadiscono la view cauta su Cattolica Assicurazioni, con una raccomandazione “hold” e un prezzo obiettivo a 3,7 euro.

Bearish invece la strategie di Mediobanca Securities che oggi ha reiterato il rating “underperform”, con un target price a 2,5 euro, valore che implica un potenziale di downside di circa il 35% rispetto alle quotazioni correnti a Piazza Affari.