Dl liquidità: Bankitalia, alcune banche usano criteri restrittivi

Fonte: MF Dow Jones (Italiano)

Nell’analisi del merito creditizio, “in alcuni casi le banche prevedono percorsi accelerati per la clientela di rating migliore, e/o prestano particolare attenzione nella concessione dei finanziamenti ai clienti con elevato profilo di rischio, per i quali scatta un processo creditizio ordinario, che può contemplare livelli di delibera più elevati o criteri di concessione dei prestiti più restrittivi”. 

Lo ha detto il capo della vigilanza di Bankitalia, Paolo Angelini, nel 

corso dell’audizione davanti alla commissione di inchiesta sulle banche, spiegando che “la necessità di effettuare e documentare una valutazione del merito creditizio dei debitori viene motivata dalle banche, per i prestiti con garanzia del 100%, con il rischio legale di incorrere nei reati connessi con una anomala erogazione del credito (rischio che è in relazione inversa con il merito di credito del debitore e che la presenza della garanzia non attenua), in presenza di una norma che non esonera esplicitamente gli intermediari da questa valutazione”. 

vs 

(END) Dow Jones Newswires

June 11, 2020 03:30 ET (07:30 GMT)