La Procura svizzera estende le indagini contro Sepp Blatter a $ 1 milione di prestito

84f97ef8a8471fe06c9269f008fbf0e486204223.jpg
L’ex presidente della FIFA Sepp Blatter in un’intervista all’AFP a Zurigo il 28 maggio 2019 (Fabrice COFFRINI) lesechos.fr

Pubblicato il 13 giugno 2020 alle 22:07 Aggiornato il 13 giugno 2020 alle 22:10

La procura svizzera ha ampliato un’indagine mirata all’ex presidente della Fifa Sepp Blatter a un prestito di 1 milione di dollari concesso nel 2010 dall’autorità alla Federazione calcistica di Trinidad e Tobago (TTFF), appreso Sabato AFP.

Questo “non è un nuovo procedimento penale contro Joseph Blatter, è aggiunto a tutti i procedimenti penali” contro l’ex capo della Fifa (1998-2015), ha dichiarato il Ministero Pubblico di Confederazione (MPC) in un’e-mail.

Inaugurata a maggio, questa nuova parte dell’indagine prende di mira altri due eminenti membri dell’organizzazione ombrello del calcio mondiale, l’ex segretario generale Jérôme Valcke e l’ex direttore finanziario Markus Kattner.

Si riferisce a un prestito di un milione di dollari (quasi 890.000 euro) che Fifa ha concesso al TTFF nel 2010. Concesso senza interessi o garanzie, il credito sarebbe stato rapidamente trasformato in “sovvenzione”, secondo un documento consultato da AFP.

Ho letto questo reclamo e ho completamente confutato il suo contenuto”, ha reagito Mr. Blatter.

Questa nuova branca dell’inchiesta nasce quando Fifa è oggetto di accuse multiple di pagamenti fraudolenti destinati a Jack Warner, decretati a morte dalla federazione internazionale dopo essere stato a lungo membro e accusato di corruzione dalla giustizia americana.

Blatter, 84 anni, ha beneficiato a maggio della classificazione di un’indagine MPC sull’Unione dei Caraibi, poi guidata da Warner, aggiudicandosi un contratto per i diritti televisivi nel 2005.

Ma lo svizzero rimane minacciato da un’altra parte del procedimento penale, che riguarda un pagamento tardivo, senza documentazione scritta, di 2 milioni di franchi svizzeri (1,88 M EUR) a Michel Platini.

Questo pagamento fece guadagnare ai due uomini una sospensione di diversi anni da tutte le attività legate al calcio e impedì a Platini di candidarsi per il presidente della Fifa per succedere a Blatter. Nel maggio 2018, Platini fu esonerato dai tribunali svizzeri.

La decisione di classificare la parte dell’inchiesta relativa ai diritti televisivi non ha alcun impatto sul resto delle indagini. “Il procedimento penale continuerà”, ha detto il parlamentare MPC sabato.