I MALACALZA NON BRILLANO

Andreagiacobino.com 17.6.20

Non brillano gli ultimi numeri della principale attività industriale della famiglia Malacalza. Il bilancio 2019 della genovese Asg Superconductors, presieduta da Davide Malacalza e guidata da Sergio Frattini, si è infatti chiuso con ricavi per 34,2 milioni di euro in calo dai 35,6 milioni del 2018 e con un miniutile di 93mila euro. L’azienda opera con tre divisioni: Magnet & Systems (magneti e sistemi superconduttivi), Columbus Mgb2 (fili superconduttivi) e Paramed Mri (sistemi di risonanza magnetica). Nella relazione sulla gestione Malacalza sottolinea che “pur in un contesto di elevata complessità tecnologica e di ritardi nell’avvio di alcuni progetti internazionali dedicati al mondo della fusione/ricerca, la società ha potuto contare sul consolidamento del portafoglio ordini avvenuto negli ultimi anni insieme all’esecuzione di importanti commesse”. Questi sono fattori “che permetteranno di azzerare l’indebitamento verso terzi e raggiungere l’equilibrio finanziario come previsto dal piano industriale 2019-2022”. Con un patrimonio netto di 15,1 milioni, Asg Superconductors, che i Malacalza controllano attraverso la italiana Hofima e la Luleo appena trasferita dal Lussemburgo alla Svizzera, presenta quasi 125 milioni di debiti, di cui 21 milioni verso soci e 5 milioni verso banche.