Bitcoin batte grandi banche

Finews.ch 22.6.20

Il bitcoin è cresciuto di dimensioni nell’attuale crisi della corona. Sia con le grandi banche che con gli investitori. Ora si fidano di Bitcoin più delle grandi banche.

Qualche settimana fa, gli analisti di JP Morgan hanno tolto un cappello a Bitcoin: la criptovaluta si è dimostrata più forte e più resistente di altre risorse nella pandemia di corona in corso.

Bitcoin è sceso del 50 percento a metà marzo, anche più dei mercati azionari globali. Questo è stato uno stress test positivo per gli analisti di JP Morgan. Ha dimostrato la longevità di Bitcoin come asset class.

Cambio di cuore nei piani executive

Che differenza rispetto alle precedenti valutazioni dal punto di vista delle grandi banche: l’amministratore delegato di JP Morgan Jamie Dimon aveva descritto Bitcoin come uno schema di frode e aveva minacciato di licenziare i suoi banchieri se avessero scambiato la criptovaluta.

Dalla fase del boom e del fallimento di Bitcoin nel 2017/18, le percezioni delle criptovalute sono cambiate nel complesso, anche grazie al progresso normativo.

Un nuovo sondaggio di “The Tokenist” lomostra molto chiaramente: rispetto a un sondaggio praticamente identico del 2017, i risultati nel 2020 sono completamente diversi – o significativamente migliori.

Le azioni sono ancora in anticipo

In termini di fiducia: il 47 percento delle 4.800 persone intervistate ora ha dichiarato di fidarsi del Bitcoin più delle grandi banche. Questo è il 29 percento in più rispetto a tre anni fa. Bitcoin batte persino le grandi banche tra i millennial: il 51 percento si fida di più della criptovaluta più importante.

Il 38 percento degli intervistati ha anche affermato che preferirebbe investire $ 1.000 in Bitcoin piuttosto che in titoli di stato. Tuttavia, lo sviluppo è diverso per le azioni: al momento, il 12% preferisce investire in Bitcoin rispetto all’acquisto di azioni, rispetto al 14% quando hanno condotto lo studio per la prima volta.