Crash-Swiss Re porta McKinsey in soccorsoMulti con miliardi di perdite lancia l’operazione “Evergreen”. Il capitano Kielholz vuole far galleggiare la nave per il successore Ermotti.

Insideparadeplatz.ch 31.7.20

Swiss Re è caduta in una profonda crisi. Da gennaio a giugno, il rinomato gruppo finanziario di Zurigo ha perso $ 1,1 miliardi. Tre unità sono in rosso, come riferisce oggi Swiss Re.

La quarta area, Riassicurazione vita e salute, ha generato un mini profitto di 74 milioni. Un rivolo rispetto all’anno precedente con un aumento di quasi mezzo miliardo.https://tpc.googlesyndication.com/safeframe/1-0-37/html/container.html?n=0

La leadership giustifica il caso non controllato con “danni e disposizioni relative al COVID-19” per un totale di 2,5 miliardi. Senza, il risultato sarebbe quasi 900 milioni.

Tutto mezzo selvaggio? Non proprio.

<img src="data:image/svg+xml;charset=utf-8,

Rosso, rosso, rosso (Swiss Re, Jan-Jun)

In ogni caso, il vertice di Swiss Re, il consiglio di amministrazione del presidente Kielholz, ha lanciato un progetto segreto per riallineare in modo completo le multinazionali.

Questo si chiama Evergreen e viene eseguito con l’aiuto di McKinsey.

C’è un alto livello di riservatezza, solo pochi svizzeri sono nella foto. L’ufficio Swiss Re media non ha rilasciato commenti su richiesta.

La figura centrale di Evergreen è Walter Kielholz, un cavallo di battaglia del settore finanziario di Zurigo. L’ultimo magnate di Paradeplatz.

<img src="data:image/svg+xml;charset=utf-8,

Tycoon dal lago di Zurigo (SR)

Rispettivamente dal Mythenquai, dove hanno sede le principali compagnie assicurative svizzere, e Swiss Re, oggi Swiss Re, è orgogliosa di porre fine al miglio assicurativo di Zurigo.

Kielholz è Swiss Re, Swiss Re è Kielholz.

Il settantenne ha dominato l’azienda per due decenni, ora sta per andarsene.

Sergio Ermotti assumerà l’incarico sul ponte, che cambierà la tassa UBS tra tre mesi e sostituirà Kielholz nella presidenza del riassicuratore la prossima primavera.

<img src="data:image/svg+xml;charset=utf-8,

Il banchiere fa un’assicurazione (Wikipedia)

Ermotti è stato recentemente eletto nel consiglio di amministrazione di Swiss Re, quindi conosce Evergreen e il principale riallineamento strategico.

Il suo compito sarà quello di attuare rapidamente le decisioni sempreverdi. Che cosa c’é?

Secondo un addetto ai lavori, Evergreen comprende quasi tutto: la base di capitale, il che significa che Swiss Re ha abbastanza denaro per i suoi affari; sottoscrizione, ovvero assunzione di rischi e come creare sostanza con essi; la digitalizzazione del gruppo; la riduzione dei costi.

Quest’ultimo diventa centrale per gli oltre 15000 svizzeri Re. La maggior parte di questi si trova in Svizzera, principalmente nella grande sede sul lago di Zurigo.

È sempre probabile che Evergreen trasferisca sempre più posti di lavoro in India. Swiss Re gestisce già un grande back office lì.

Quindi il presidente Kielholz non sta provando altro che a riposizionare il “suo” Swiss Re nei suoi ultimi mesi. Mette praticamente tutto alla prova.

Ciò era necessario perché la multinazionale finanziaria si è messa al volante diverse volte. CorSo, la principale attività assicurativa per grandi clienti, è un enorme caso di ristrutturazione. Con la nuova gestione operativa, le cose stanno lentamente andando lassù.

La conversione con la vendita di Reassure e il trasferimento e la distribuzione del capitale vitale sono misure di emergenza per colmare il divario, ma sono necessarie soluzioni precise.

Le perdite nel core business della riassicurazione richiedono urgenti contromisure. La direzione operativa deve dimostrarlo.

Questo è subordinato al CEO Christian Mumenthaler. Quando si unì alla compagnia, aveva rilevato una società redditizia che ora è entrata in crisi sotto la sua guida.

Kielholz ora stabilisce la rotta con Evergreen, il successore Ermotti decide quindi quale capo operativo è quello giusto per l’implementazione.

Ermotti aveva sperimentato la stessa cosa in UBS, ma a quel tempo, in qualità di direttore operativo, era lui stesso il responsabile dell’attuazione delle misure emerse dall’alto, dal Consiglio di amministrazione.