Il CEO di HSBC parla di “profondo rammarico” per le enormi perdite di posti di lavoro durante la ristrutturazione post-covid

Internazionalinvestment.net 3.8.20

HSBC ha confermato che dovranno essere eliminati 35.000 posti di lavoro quando ha annunciato i risultati intermedi del 2020 in cui il colosso finanziario globale ha registrato ricavi per $ 3,606 miliardi, in calo rispetto ai $ 4,506 miliardi del primo semestre del 2019. 

In una dichiarazione rilasciata oggi che annuncia i suoi piani, il CEO di HSBC, Noel Quinn, nella foto in basso a sinistra , ha confermato che le perdite di posti di lavoro sarebbero state implementate in seguito a una pausa nei suoi piani a causa della crisi covid-19.

Come riportato, a febbraio HSBC ha annunciato un sostanziale programma di trasformazione per rimodellare le sue attività sottoperformanti, semplificare la sua “organizzazione complessa” e ridurre i costi.

In una dichiarazione, pubblicata oggi, Quinn ha dichiarato: “Stiamo andando avanti con questi piani ovunque possibile. Abbiamo già iniziato a combinare le nostre operazioni di back office all’ingrosso e abbiamo riunito le nostre attività di vendita al dettaglio, ricchezza e private banking in un unico business globale – Ricchezza e servizi bancari personali.

A causa dell’epidemia di marzo 19, Quinn ha messo in pausa il programma di ridondanza dicendo che “sarebbe stato sbagliato procedere con la perdita di posti di lavoro in un momento di stress significativo per il nostro personale e le nostre comunità”.

Ora, poiché molti paesi hanno rallentato la diffusione del virus e stanno emergendo dal blocco, Quinn ha confermato che inizieranno i licenziamenti. 

“Profondo rimpianto personale”

“Sono consapevole dell’impatto che avrà per alcune delle nostre persone, in particolare quelle che ci abbandonano. Per quanto necessario, poiché questi cambiamenti sono, l’impatto umano è una questione di profondo rammarico personale per me. Faremo in modo che tutti coloro che lasciano HSBC come parte della nostra trasformazione saranno trattati con equità e considerazione e riceveranno supporto nella ricerca di nuove assunzioni “.

Quinn ha aggiunto che la società esaminerà anche “quali azioni aggiuntive dobbiamo intraprendere”, alla luce del nuovo contesto economico per “rendere HSBC un business più forte e più sostenibile”.

La dichiarazione ha confermato che le entrate della gestione patrimoniale di HSBC sono diminuite del 20% nella prima metà del 2020, rispetto a un anno fa.

Le entrate del private banking globale sono leggermente aumentate a $ 921 milioni nello stesso periodo. L’attività di gestione patrimoniale, che è elencata sotto la gestione patrimoniale, ha visto i suoi ricavi scendere del 4% a $ 496 milioni, afferma la nota.

Anche i guadagni dell’unità di $ 1.4tn Wealth and Personal Banking hanno subito un duro colpo con un reddito operativo netto di $ 11,251 miliardi nel primo semestre 2020, scendendo da $ 12,861 miliardi l’anno precedente.

Ha messo da parte $ 2,202 miliardi di perdite attese su crediti da $ 527 milioni. Le spese operative sono salite del 3% a $ 7,346 miliardi nello stesso periodo. 

Il business del private banking globale ha registrato profitti per $ 199 milioni, che era superiore alla gestione patrimoniale a $ 148 milioni.

La banca privata ha registrato $ 353 milioni nelle attività dei clienti al 30 giugno, con $ 161 milioni in Europa, $ 154 milioni in Asia e $ 38 milioni in Nord America.

L’attività di gestione patrimoniale aveva $ 521 milioni in fondi gestiti. Questo ammontava a $ 292 milioni in Europa, $ 160 milioni in Asia, $ 57 milioni in Nord America, $ 7 milioni in America Latina e $ 5 milioni in Medio Oriente e Nord Africa.

A livello di gruppo, HSBC ha dichiarato che il suo reddito operativo netto è sceso del 9% a $ 26,745 miliardi nella prima metà del 2020.

La banca ha stanziato $ 6,858 miliardi di perdite attese sul credito, rispetto a $ 1,140 miliardi di un anno fa. Ha avuto un utile al netto delle imposte di $ 3,125 miliardi, in calo rispetto ai $ 9,937 miliardi nello stesso periodo.