La famiglia più ricca d’Italia costruisce una scommessa secondaria di $ 3 miliardi su Candy Giant

Di 10 agosto 2020, 06:01 CEST bloomberg.com

  • Il patrimonio della società di investimento di Giovanni Ferrero è aumentato del 40% nel 2019
  • La sua azienda CTH ha acquistato il panettiere danese Kelsen Group per diversificare

Michele Ferrero ha contribuito a introdurre Nutella e il cioccolato Kinder nel mondo, trasformando l’attività dolciaria italiana della sua famiglia in un gigante globale con vendite annuali di circa 10 miliardi di dollari. 

Ora suo figlio, Giovanni, sta disegnando la sua strada.

Le attività nette della società di investimento di Giovanni, CTH, sono aumentate del 40% lo scorso anno a 2,8 miliardi di euro (3,3 miliardi di dollari), mostrano i documenti. L’aumento è stato sostenuto dall’acquisto da 300 milioni di dollari del panettiere danese Kelsen Group, un’acquisizione progettata per aiutare a preservare la più grande fortuna dell’Italia investendo oltre l’industria dolciaria.

Giovanni ha “stabilito la sua presenza nel più ampio mercato dei dolci confezionati” con CTH, ha detto Guido Giannotta, direttore dell’azienda con sede a Bruxelles, che aiuta a gestire la fortuna della famiglia Ferrero.

Una tale mossa “rappresenterà un’importante soluzione di riduzione del rischio, sia in termini di categorie di prodotti che di portata geografica”, ha aggiunto.

Per saperne di più: La famiglia più

ricca del mondo diventa 1 miliardo di dollari più ricca ogni due settimane Come i Ferrero, molte delle persone più ricche del mondo stanno diversificando le loro fortune mentre cercano di accrescere la ricchezza attraverso le generazioni. Il fondatore di Zara Amancio Ortega – la persona più ricca della Spagna – ha investito i proventi della sua attività di abbigliamento Inditex SA in immobili in tutto il mondo, mentre le partecipazioni del co-fondatore di Microsoft Corp. Bill Gates spaziano dalle ferrovie alle aziende agricole alle imprese di costruzione.

Pasticceria

L’attività dei Ferreros è iniziata come pasticceria di famiglia nel nord Italia che utilizzava le nocciole come un modo per aumentare le scorte limitate di cacao. Dopo la seconda guerra mondiale, è diventata un’azienda dolciaria, aprendo stabilimenti di produzione e uffici all’estero. Ha lanciato i marchi Nutella e Kinder Chocolate e Tic Tac negli anni ’60 e poi si è espanso con prodotti tra cui Ferrero Rocher. 

CTH è stata creata nel 2016 e possiede il produttore di biscotti belga Delacre e la società statunitense di caramelle Ferrara, oltre a Kelsen Group. Il Gruppo Ferrero, l’attività dolciaria della famiglia, ha anche investito oltre le caramelle, concludendo l’anno scorso un accordo da 1,3 miliardi di dollari per i marchi di biscotti e snack alla frutta di Kellogg Co.

Giovanni, 55 anni, è presidente esecutivo del Gruppo Ferrero e possiede una partecipazione di controllo nella società di Alba, con sede in Italia, che ora è valutata 23 miliardi di dollari, secondo il Bloomberg Billionaires Index . Rappresenta la maggior parte della fortuna di 32,9 miliardi di dollari della famiglia Ferrero.

Investire in biscotti “ha senso poiché cioccolato e biscotti combattono per lo stesso spazio nel nostro stomaco”, ha affermato Duncan Fox, analista di prodotti di consumo presso Bloomberg Intelligence. “Se riesci a ottenere la giusta innovazione, ottieni una distribuzione molto maggiore se sei esposto a entrambi.”