Il PIL OCSE registra un calo del 9,8% senza precedenti nel secondo trimestre ed entra in recessione

Expansion.com 26.8.20

Il prodotto interno lordo (PIL) dei paesi OCSE ha registrato un calo del 9,8% senza precedenti nel secondo trimestre a causa della pandemia, ben al di sopra del calo del 2,3% registrato nel primo trimestre del 2009 , al culmine della crisi finanziaria.

Questo è il calo più grande registrato dai membri dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), come evidenziato in una dichiarazione del club dei paesi più sviluppati, ed entra in una recessione, con la Spagna che è il secondo paese con i peggiori risultati record.

Il prodotto interno lordo (PIL) dei paesi dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) ha registrato una contrazione senza precedenti del 9,8% nel secondo trimestre del 2020, dopo essere diminuito dell’1,8% nel i primi tre mesi dell’anno, che conferma l’entrata in recessione tecnica del ‘club’ per la prima volta dalla crisi finanziaria globale tra il 2008 e il 2009. La maggiore contrazione registrata finora risale al primo trimestre del 2009, quando la crisi finanziaria si placò l’indicatore 2,3%.

Conseguenza del grande isolamento

Il crollo dell’attività nell’OCSE tra i mesi di aprile e giugno a seguito della Grande Reclusione causata dalla pandemia Covid-19 moltiplica per più di quattro l’impatto negativo del 2,3% registrato nel primo trimestre del 2009, nel momento peggiore della crisi finanziaria globale. 

Tra le economie OCSE, il Regno Unito ha registrato il calo maggiore del PIL nel secondo trimestre, con un crollo del 20,4%, seguito dalla Spagna, con un calo del 18,5%, e dal Messico, con un calo del PIL. 17,3%.

Nel secondo trimestre dell’anno il PIL degli Stati Uniti ha registrato una flessione del 9,5%, dopo essere sceso dell’1,3% nei primi tre mesi del 2020, mentre nell’area dell’euro l’economia ha registrato una contrazione del 12,1%, dopo il calo del 3,6% nel primo trimestre. Nel caso del Giappone, il PIL è sceso del 7,8% nel secondo trimestre, dopo essere sceso dello 0,6% tra gennaio e marzo.

Rispetto al secondo trimestre del 2019, il PIL OCSE si è contratto del 10,9%, aggiungendosi al calo dello 0,9% su base annua nei primi tre mesi dell’anno.