Revolut: accesso bloccato

Finews.ch 1.9.20

Un account gratuito in pochi minuti: con esso, Neobank Revolut di grande successo attira anche persone in Svizzera. Allo stesso tempo, centinaia di clienti aspettano settimane prima che il loro credito venga sbloccato. Un problema persistente, a quanto pare.null

Ogni volta che la britannica Neobank annuncia un nuovo prodotto, questo viene regolarmente associato al rumore di fondo sui social media: i clienti Revolut utilizzano gli annunci come un’opportunità per ricordare loro che hanno atteso settimane prima che i loro account venissero sbloccati.

Questi non sono casi isolati. Nei forum dei clienti ci sono centinaia di richieste di aiuto da parte di utenti che non possono più ottenere i loro soldi. Si sentono abbandonati dalla fintech più preziosa d’Europa, che serve già 12 milioni di clienti in 35 paesi – di cui (secondo le loro stesse informazioni) circa 350.000 sono in Svizzera.

La chat si ferma

finews.ch è a conoscenza di un cliente Revolut che ha atteso lo sblocco del suo account per sette settimane. Dopo il trasferimento di somme minori, il campanello d’allarme era apparentemente suonato alla fintech: sospetto riciclaggio di denaro. La banca dello smartphone ha quindi chiesto alla donna di presentare la sua dichiarazione dei redditi. E poi le dichiarazioni dei redditi delle persone che avevano trasferito i soldi sul suo conto.

Quando non è stata in grado di soddisfare quest’ultima richiesta, Revolut ha bloccato l’account. Apparentemente senza preavviso. Da allora i suoi soldi sono stati bloccati. E le richieste di chat inviate al servizio clienti ogni giorno rimangono senza risposta.

“Oh mio Dio”

Come l’utente, è successo a molti; Il forum di supporto di Revolut contiene quasi 500 testimonianze dalla fine del 2017 allo scorso agosto. “Oh mio Dio”, scrive un certo Nick7 lì (vedi estratto sotto). “Ogni volta che invio loro un documento per dimostrare il mio reddito, ne chiedono un altro”. Senza l’accesso al suo account, non avrebbe nemmeno i soldi per andare al lavoro. “Devo difendermi legalmente”, conclude nella chat.

Revolut Chat 500

Una richiesta di finews.ch sui blocchi finora non ha ricevuto risposta da Revolut.Certo: quasi 500 account bloccati per dodici milioni di clienti – in numeri assoluti, la questione si svolge nella fascia per mille. Inoltre, i blocchi servono l’obiettivo più alto di prevenire atti criminali e riciclaggio di denaro. Non ci si aspetta nient’altro da un fornitore di servizi finanziari regolamentato come Revolut. Dove il legno viene tagliato, le schegge devono cadere.Sistemi di monitoraggio spenti senza ulteriori indugiMa a quanto pare, la Neobank ha un problema persistente con le serrature, che rasentano l’esproprio in vigore. Già alla fine del 2018, a quanto pare Revolut ha ricevuto così tanti falsi allarmi sul riciclaggio di denaro che la fintech ha spento i suoi sistemi di monitoraggio senza ulteriori indugi. L’azione, tuttavia, divenne nota e si dice che sia costata al direttore finanziario di Revolut in quel momento.Revolut ha promesso miglioramenti, ma ha infastidito la società Priorité, che lavora a stretto contatto con lo stato francese, con un blocco lo scorso febbraio.La britannica Neobank ha bloccato due conti aziendali e un pagamento a un fornitore di 300.000 euro lì senza alcuna spiegazione – e questo per oltre sei settimane, come riportato dal quotidiano britannico “The Times” (articolo a pagamento) . Ciò fa sembrare che gli algoritmi avranno ancora voce in capitolo a Revolut nel 2020.Il contrattacco delle banche non tarda ad arrivareL’apparente laissez-faire potrebbe vendicarsi. Non appena Revolut si diffonde grazie al passaparola sui social media, anche i reclami possono diventare “virali”. Il fondatore e CEO Nikolay Storonsky sarebbe stato nuovamente costretto a scusarsi pubblicamente.Questo gioca a favore delle banche consolidate. Se non con prezzi bassi, possono segnare con sicurezza e servizio fatto di carne e ossa. Tanto più che i banchieri si stanno gradualmente risvegliando anche in Svizzera. In questi giorni, la principale banca Credit Suisse (CS) ha annunciato che lancerà un’offerta digitale per conti e carte in ottobre. È facile indovinare per chi è il contrattacco: Revolut & Co.