B.P.Bari: Masi; situazione vergognosa, Governo rispetti accordi

Fonte: MF Dow Jones (Italiano)

“A tre mesi dalla firma dell’accordo sul piano di salvataggio bisogna dire che, purtroppo, la situazione in cui versa la Banca Popolare di Bari è di totale stallo: una vergogna! Guardiamo con preoccupazione alla mancata nomina del Consiglio di Amministrazione e del nuovo Ceo, cosa che autorizza a pensare che sono ancora vive e forti quelle interferenze politiche che in passato hanno portato alla cattiva gestione dell’istituto e alle conseguenze che oggi sono, purtroppo, sotto gli occhi di tutti”. 

Lo afferma Massimo Masi, Segretario generale Uilca, il quale chiede a Medio Credito Centrale, al Governo e ai Commissari, “chiarezza di comportamento e il rispetto degli accordi. Se ciò non accadrà dovremo rivedere il nostro atteggiamento propositivo per passare a una fase di dura contrapposizione e di denuncia pubblica. Auspichiamo che Mcc provveda immediatamente a porre rimedio a questo grave errore che sta comportando, oltre a una perdita di fiducia nelle istituzioni, importanti problematiche per le politiche di rilancio della banca stessa. L’azienda, e per essa i Commissari, che pur stanno svolgendo un difficile compito, continua a trincerarsi dietro il silenzio, non fornendo risposte adeguate”. 

“Ci chiediamo: a che punto è la vendita di Cassa di Risparmio di Orvieto? Che fine farà questo istituto? Qual è il destino delle lavoratrici e dei lavoratori della banca umbra? A che punto è la vendita delle filiali del Nord? Le conseguenze di tutto questo è che i sacrifici ricadono pesantemente, ancora una volta, solo sulle lavoratrici e sui lavoratori che continuano a pagare per errori del passato dei quali, ovviamente, non sono in alcun modo responsabili, accollandosi sacrifici economici e professionali enormi ma senza risultati”, prosegue Masi. 

“L’accordo firmato dai segretari generali e dai coordinamenti aziendali della Bpb, con i Commissari e Abi, difficile e complicato, deve essere applicato in toto e deve servire al rilancio della banca e non a giochini politici di bassa lega. Noi vogliamo il rilancio della Bpb affinché diventi un polo aggregante per le banche del Sud per aiutare l’economia meridionale. Le lavoratrici e i lavoratori della Banca Popolare di Bari meritano rispetto”, conclude il Segretario generale Uilca. 

alb 

alberto.chimenti@mfdowjones.it 

(END) Dow Jones Newswires

September 11, 2020 05:08 ET (09:08 GMT)

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.