La Spagna annuncia la tassa WhatsAppUna fattura spagnola prevede di considerare applicazioni di messaggistica istantanea come WhatsApp o Telegram come operatori telefonici. Saranno tassati sulle entrate derivanti dai servizi di corriere, da un milione di entrate.

Il governo spagnolo sta preparando una tassa per i servizi di messaggistica istantanea, come WhatsApp o Telegram.
Il governo spagnolo sta preparando una tassa per i servizi di messaggistica istantanea, come WhatsApp o Telegram. (Rafael Henrique / SOPA Images / Si)

Di Cecile ThibaudPubblicato il 14 settembre 2020 alle 18:07 Les Echos.fr

Il governo spagnolo sta preparando una tassa per i servizi di messaggistica istantanea. È in corso un disegno di legge che interesserà applicazioni come WhatsApp, la preferita nel Paese, o Telegram, in piena esplosione.

Questa nuova legge, che dovrebbe passare in Parlamento entro l’estate 2021, risponde alle richieste degli operatori di telecomunicazioni che chiedono parità di trattamento fiscale con i nuovi attori del proprio settore.

Mentre gli operatori tradizionali sono supervisionati e tassati, le piattaforme di messaggistica Internet, al contrario, hanno totale libertà per offerte a volte simili, in termini di chiamate o messaggi vocali o scritti.

“Lascia che anche me sia deregolamentato!” “

Non puoi giocare a calcio se uno attacca dall’alto e l’altro dal basso. Siamo in concorrenza con persone la cui attività non è regolamentata , ha protestato recentemente il presidente di Telefonica, José Maria Alvarez-Pallete. Non chiedo che siano regolamentati, ma se non sono regolamentati, allora anch’io sarò deregolamentato! Perché è impossibile competere se le condizioni non sono le stesse per tutti.  “

La legge pretende quindi di appianare le asperità del settore mettendo nella stessa barca tutte le società che offrono servizi di messaggistica istantanea o di chiamata, comprese quelle i cui servizi operano senza un numero di telefono associato. Secondo il progetto spagnolo, saranno considerati fornitori di servizi di telecomunicazione.

Da 1 milione di euro

Saranno quindi obbligati a registrarsi nel registro spagnolo degli operatori di comunicazioni, proprio come Telefonica, Orange o Vodafone. E dovranno presentare ogni anno una dichiarazione dei loro redditi dalle loro attività di corriere nel paese. ”  Essi  cominceranno a essere tassati se le loro attività di generare più di un milione di euro e in questo caso dovranno pagare un euro per ogni mille euro raccolti  “, ha spiegato il Segretario di Stato per la Comunicazione Robert Sanchez, svelando il progetto .

Ma la futura legge risponde solo in parte alle affermazioni degli operatori tradizionali, poiché il testo riduce le attività tassate a una rigorosa messaggistica, ed esclude la pubblicità digitale o la vendita di servizi legati al cloud che generano la quota maggiore del reddito dei giganti del ragnatela.

L’impatto a breve termine dovrebbe essere ridotto, poiché WhatsApp e altri messenger sono gratuiti e generano poche entrate per i loro proprietari. Ma la situazione potrebbe cambiare, se i loro servizi iniziassero a integrare piattaforme di e-commerce e ad aprire nuove linee di profitto, secondo l’analista Ivan Feinseth, di Tigress Financial Partners, intervistato da Bloomberg.

Cécile Thibaud (corrispondente a Madrid)