Progetto Signal: Axel Weber progetta la fusione tra UBS e CSIl presidente tedesco ha istituito un gruppo di lavoro e ha parlato con Ueli Maurer. Affare all’inizio del 2021, 15.000 posti di lavoro a rischio.

Insideparadeplatz.ch 14.9.20

Sarebbe stato il più grande affare dal 1997, quando UBS con sede a Zurigo si è fusa con Basler Bankverein sotto la direzione di Marcel Ospel.

Ora è il tedesco Axel Weber a voler catapultare UBS nella sfera successiva. Weber, il presidente del consiglio di amministrazione numero 1, ha in programma una fusione con Urs Rohner del Credit Suisse.

Il progetto si chiama Signal, come riportato dall’interno dei due grandi banchi. Axel Weber è la forza trainante, dice un informatore, ne ha parlato con il ministro delle finanze Ueli Maurer.

Anche l’autorità di vigilanza bancaria Finma è nel quadro dei piani di Weber. Questo spingerebbe il ritmo. La fusione dovrebbe essere concordata all’inizio del 2021 e alla fine del 2021 la Svizzera avrebbe un nuovo gigante finanziario.

Una seconda fonte riporta McKinsey, secondo cui si è coinvolti in qualcosa che “metterebbe in ombra tutto ciò che è esistito nella piazza finanziaria”. McKinsey è da anni consulente per entrambe le multinazionali.

Una UBS-CS fusa diventerebbe il principale gigante bancario dell’Europa continentale. Il gruppo potrebbe competere con la HSBC anglo-asiatica e le case americane.

<img src="data:image/svg+xml;charset=utf-8,

Supernova svizzera ( UBS )

Questo è l’obiettivo di Weber. Rimarrà presidente della nuova Superbank svizzera oltre il 2022. Finora si è ipotizzato che Weber si dimetterà tra due anni.

Un portavoce di Weber ha detto ieri su richiesta che “generalmente non si commentano le voci”. Il CS non ha risposto a un’e-mail.

Il prezzo per i dipendenti sarebbe gigantesco. CS impiega quasi 50.000 persone, di cui circa 15.000 in Svizzera, UBS quasi 70.000 in tutto il mondo e circa 20.000 in Svizzera.

Dopo una fusione, è prevista una riduzione del 10-20%, ovvero circa 15.000 o più in tutto il mondo.

In Svizzera, su un totale di 35.000 posti di lavoro, almeno 5.000 scomparirebbero in una prima fase, dopodiché potrebbero essere significativamente di più.

I vincitori sarebbero gli azionisti. Gli investitori potrebbero sperare in un aumento dei prezzi. Sia CS che UBS hanno deluso in borsa. I tuoi amministratori delegati non sono riusciti a rendere attraenti le azioni.

Axel Weber sta spingendo i suoi piani di fusione con grande pressione, dice l’informatore. Il presidente di UBS vuole stabilire un monumento per se stesso.

<img src="data:image/svg+xml;charset=utf-8,

Adabei ( CS )

Weber avrebbe parlato a molti del suo piano. Ecco perché la prevista fusione dei giganti finanziari svizzeri sta facendo il giro da settimane.

Poiché Weber si considera il presidente del consiglio di amministrazione di una banca svizzera fusa, l’amministratore delegato della nuova Gigabank verrebbe da CS.

In quanto svizzero, Thomas Gottstein avrebbe buone possibilità di ottenere un ottimo lavoro operativo.

Per il presidente di CS Urs Rohner, una fusione sarebbe una via d’uscita dal suo problema di successione. Finora non è chiaro chi potrebbe ereditare l’avvocato la prossima primavera.