B.Mps: Unicredit detta condizioni per acquisizione (Rep)

Fonte: MF Dow Jones (Italiano)

Superato lo scoglio di referendum ed elezioni regionali il governo prova a stringere sulla riprivatizzazione del Monte dei Paschi, che ha come scadenza ideale il primo dicembre, data entro cui la Bce chiede di ricapitalizzare per circa un miliardo la banca senese a fronte della cessione di crediti deteriorati per 8,1 miliardi ad Amco. Il Tesoro, primo azionista con il 68,5% del Monte, sarebbe tornato giorni fa alla carica con Unicredit, come ipotetico compratore già sondato verso luglio. Tuttavia, come allora, l’ad Jean Pierre Mustier -scrive Repubblica- avrebbe chiesto, per sedersi al tavolo negoziale, una cornice finanziaria di “assoluta neutralità” circa l’impatto sul capitale di Unicredit. 

Secondo tre diverse fonti citate dal giornale, ciò si declinerebbe 

in una contropartita in contanti per assorbire lo sbilancio dovuto all’acquisizione dell’attivo Mps (pari a 141 miliardi nei conti semestrali), oltre che i rischi legali della banca, che ha richieste danni per totali 10 miliardi. Nell’estate 2017 Intesa Sanpaolo ebbe 4,98 miliardi di euro dal Tesoro di allora per accettare di intestarsi buona parte delle attività (ma solo quelle “in bonis”) di Popolare di Vicenza e Veneto banca, oltre ai loro dipendenti. 

Unicredit ha dato un no comment, ribadendo la linea per cui “non è interessata ad acquisizioni”. Il tempo per vendere la banca senese, ottemperando al contempo alle richieste di Francoforte per consentire l’ennesima pulizia di bilancio da 8 miliardi, è poco. Il Tesoro ha già preparato il Dpcm ad hoc (ancora alla firma di Palazzo Chigi), e nel “decreto Agosto” ha stanziato 1,5 miliardi per una possibile, nuova 

iniezione di fondi nella banca in difficoltà. Pure, questi soldi potrebbero non bastare a rendere Mps appetibile per potenziali compratori: la coperta è corta. Per un “ristoro” al 10% delle richieste danni -per le banche venete fu il 15%- ci vorrebbe un miliardo, e sull’operazione Hydra (scissione di crediti a favore di Amco) il buco da colmare è di 1,1 miliardi. 

Di queste somme, in teoria, un 31,5% dovrebbe spettare agli azionisti di minoranza: ma gli investitori istituzionali non sono quasi più nel 

capitale del Monte, mentre i piccoli risparmiatori locali non è detto che 

vogliano fare la loro parte. Eppure la Bce ha chiesto che siano rispettati gli equilibri nell’azionariato, anche per non violare le regole sugli aiuti di Stato. Per questi motivi Mediobanca, consulente di Mps per conto del Tesoro, è al lavoro in questi giorni per mitigare le distanze: con Unicredit ma con qualunque altro potenziale compratore. 

Il secondo nome nell’agenda è Banco Bpm: banca italiana, forte nel Nord del Paese e desiderosa di fare acquisizioni per non finire mangiata a sua volta (l’esempio di Ubi con Intesa Sanpaolo è fin troppo vivido). Finora non risulta che il Tesoro abbia contattato i vertici di Banco Bpm, ma la chiamata potrebbe essere dietro l’angolo. Qualche risvolto del concitato autunno bancario italiano potrebbe emergere nelle prossime audizioni, con cui la politica cerca di piazzare i suoi paletti. 

vs 

(END) Dow Jones Newswires

September 22, 2020 02:26 ET (06:26 GMT)