Npl: Dombrovskis (Ue); affrontarli ora, serve riforma del recupero crediti

Fonte: MF Dow Jones (Italiano)

“La storia ci mostra che è meglio affrontare gli Npl in anticipo e con decisione, soprattutto se vogliamo mantenere il ruolo del settore bancario nel sostenere l’economia in generale. Abbiamo una finestra di opportunità per intraprendere un’azione preventiva – ora”. 

Lo ha affermato l’Executive Vice-President della Commissione Ue, Valdis 

Dombrovskis, nel corso di una tavola dedicata ai non-performing loans. 

“In questo caso, il piano d’azione del Consiglio 2017 potrebbe essere una base logica e utile. Dovremmo finalizzare i suoi elementi rimanenti che non sono ancora stati attuati. La nuova strategia prenderebbe alcuni di questi elementi e li porterebbe oltre. Tuttavia, vorrei che questa strategia non si concentrasse principalmente sulla riduzione del rischio – come abbiamo fatto nel 2017 – ma sull’assicurarsi che le banche siano in grado di sostenere la ripresa. Nel complesso, credo che la strategia dovrebbe concentrarsi su due aree: in primo luogo, sviluppare mercati secondari per le attività in difficoltà (in questo caso, esorto il Parlamento europeo a raggiungere un accordo sulla proposta di direttiva sui servizi di credito e sugli acquirenti di crediti. Questa dovrebbe essere una priorità assoluta). In secondo luogo, riformare ulteriormente i quadri in materia di insolvenza e recupero dei crediti. In questo caso, dovremmo basarci sui risultati dell’esercizio di benchmarking in corso per discutere misure nazionali mirate”, prosegue. 

“Questi svolgeranno un ruolo fondamentale nell’affrontare i crediti deteriorati a lungo termine, insieme a un rapido accordo sulla proposta di direttiva sull’esecuzione forzata delle garanzie extragiudiziali. Affrontare rapporti di crediti deteriorati elevati è principalmente compito delle banche interessate e dei Paesi interessati. La Commissione europea ha costantemente sottolineato questa responsabilità nel semestre europeo. Ma c’è anche un aspetto paneuropeo in questo. Quando si tratta di mercati secondari degli Npl, è importante facilitare le transazioni transfrontaliere e ampliare la base di investitori. In questo caso, una maggiore standardizzazione dei dati e lo sviluppo di piattaforme di transazione Npl sarebbero fondamentali. Ciò potrebbe anche comportare la creazione di una rete di società di gestione patrimoniale nazionali, ad esempio”. 

cce 

(END) Dow Jones Newswires

September 25, 2020 08:09 ET (12:09 GMT)