Vaticano: scandalo corruzione, svuotato anche conto del Papa(Rep)

Fonte: MF Dow Jones (Italiano)

Un documento straordinario di 59 pagine solleva il sipario 

sulla corruzione che ha travolto il Vaticano. È il ritratto impietoso 

dell’assalto alle finanze vaticane che emerge dalla rogatoria presentata 

dalla procura pontificia: la ricostruzione di un saccheggio da 454 

milioni, che ha messo le mani persino sul conto riservato di papa 

Francesco. 

E’ quanto riporta Repubblica, che sottolinea che l’indagine parte dallo 

scandalo dell’immobile di Londra. Nelle carte si legge che “la Segreteria 

di Stato finanzia l’operazione londinese con linee di credito del Credit 

Suisse e della Banca della Svizzera Italiana per 200 milioni di dollari” 

garantite attraverso i fondi per le elemosine per importi “che possono 

arrivare fino a 454 milioni di euro”. Secondo il Promotore di giustizia 

Gian Piero Milano e il suo aggiunto Alessandro Diddi è stata “realizzata 

dai gestori del fondo una consistente rivalutazione contabile che, allo 

stato delle investigazioni, non sembra trovare una valida ragione 

economica”. 

Raffaele Mincione, nelle carte riportate da Repubblica, emerge come il 

regista delle manovre, “attivo in partite che vanno dallo scontro per la 

banca genovese Carige a quella per il controllo di Retelit, in cui era 

assistito dall’avvocato Giuseppe Conte fino a pochi giorni prima 

dell’insediamento a Palazzo Chigi”. Fabrizio Tirabassi (dipendente della 

Segreteria di Stato) e monsignor Perlasca, aggiunge Repubblica, si 

infilano persino nel “Fondo Discrezionale di Ubs creato nel 2015 per le 

spese discrezionali del Santo Padre e dallo stesso autorizzate”, prendendo 

da lì 20 milioni di sterline per Gianluigi Torzi, proprietario della 

lussemburgese Gutt Sa che agisce come agente della Segreteria di Stato per 

gestire l’immobile. 

Dalla rogatoria emerge anche un fronte nuovo, cioe’ la cartolarizzazione 

dei crediti avanzati da ospedali privati e cooperative nei confronti delle 

Asl, società che si inseriscono nei rapporti del Fatebenefratelli di Roma 

con la Regione Lazio. Il Vaticano si lega a una cooperativa, la Osa, che 

grazie alla raccomandazione di Tirabassi ottiene un contratto record 

dall’ospedale pediatrico Bambino Gesù, affidandolo a una persona nota “per 

forti legami e ambienti e persone della camorra pugliese (Clan Campana e 

Sacra Corona Unità)”. 

Il cardinale Angelo Becciu entra nella partita tramite il suo 

segretario, monsignor Mauro Carlino, di cui i magistrati sottolineano “la 

particolare disinvoltura con la quale si muove nelle alte sfere della 

gerarchia dello Stato”, che incontra il presidente di Snam, Luca Dal 

Fabbro, per discutere della rinegoziazione del mutuo sull’immobile 

londinese e di nuovi progetti, sempre con il giro di Raffaele Micnione e 

con “Preziosi di Genova (verosimilmente Enrico Preziosi, noto imprenditore 

della Giochi Preziosi)” e Giovanni Ferruccio Oriente “che dalle 

intercettazioni parrebbe avere accesso al ministero dell’Interno 

italiano”. 

liv 

(END) Dow Jones Newswires

September 30, 2020 03:51 ET (07:51 GMT)