Accordo Reyl-Intesa: bagno di sangue a LuganoCon una vendita del 70% agli italiani, i partner Reyl con sede a Ginevra assumono il controllo di Intesa Svizzera. 100 posti di lavoro andati, Avaloq perde.

Insideparadeplatz.ch 3.10.20

Ieri a Ginevra e Lugano i banchieri si sono precipitati a sentire la notizia che Finews è stata la prima a diffondere. La banca torinese Intesa Sanpaolo acquisterebbe la banca ginevrina Reyl .

Per le 300 persone di Intesa in Svizzera, questa è una notizia dell’orrore. Perché sono loro i grandi perdenti, non Reyl. Ci sono 100 posti di lavoro in gioco.https://993eb77d1f362ad42d278fd350e478ce.safeframe.googlesyndication.com/safeframe/1-0-37/html/container.html?n=0

È un’acquisizione inversa. Secondo un insider, il bagno di sangue di Intesa si svolge a Lugano, e in misura minore a Ginevra, dove Intesa ha sede in Svizzera .

L’accordo è stato apparentemente orchestrato da McKinsey. Secondo la fonte, anche Avaloq dovrebbe perdere.

La società informatica di Zurigo ha vinto due anni fa Intesa Sanpaolo Svizzera per il suo insourcing bancario . Da allora, i processi di Intesa sono passati attraverso Avaloq.

Secondo l’insider, Avaloq guadagnava 10 milioni di franchi all’anno con Intesa Sanpaolo Svizzera. La nuova Intesa, che è con Reyl, ha optato per Finnova. Costo: altri 3 milioni.

Secondo Le Temps , gli italiani stanno rilevando quasi il 70 per cento dei partner Reyl. Questi sarebbero rimasti a bordo, avrebbero comandato l’entità di private banking fusa.

Secondo Finews, l’obiettivo degli italiani, che hanno voce in capitolo con la maggioranza delle azioni, è crescere in Svizzera. Con Reyl fanno un salto a Ginevra, a Lugano mettono la matita rossa.

<img src="data:image/svg+xml;charset=utf-8,

Shock al Monte Brè ( Mappe )

Nuova è Zurigo, dove Reyl è già presente. Secondo Finews, la fusione di Intesa-Reyl avrà oltre 400 dipendenti e 20 miliardi di asset dei clienti dopo lo smantellamento.

Il capo di Intesa Sanpaolo Svizzera, un manager di nome Marco Longo , deve saltare oltre il limite, dice l’informatore.

I partner di Ginevra di Reyl determinano le operazioni della nuova unità. Innanzitutto, secondo la fonte, chiudono i porti fiscali di Intesa: Isole Cayman nei Caraibi e Monaco.

L’alleanza tra Reyl e Intesa la dice lunga sul futuro del settore bancario svizzero. I grandi stranieri si trasformano, i piccoli svizzeri vendono.

Resta da vedere se Reyl-Intesa porterà la massa critica sulla bilancia con 20 miliardi di soldi dei clienti. La nuova banca privata italo-svizzera potrebbe effettuare ulteriori acquisizioni.