I sei principali azionisti di Sewing: chi ha investito quando e perché?

Di Christian Kirchner finanz- szene.de 15.10.20

Le tue famigerate inadeguatezze in qualche modo rendono Deutsche Bank simpatica, o almeno umana. Tanto più che: alla fine non importa se qualche fondo statunitense detiene> 7% o <5% nella più grande istituzione finanziaria della repubblica ? Appena! Invece, siamo felici che ci siano ancora investitori che sono coinvolti in Deutsche Bank in modo più ampio = segnalabile!

Con cui: quali investitori sono di nuovo quelli? A quali corsi hai acquistato (approssimativamente)? E quali sono i loro obiettivi? Data l’occasione, ecco una rapida panoramica dei sei azionisti di ancoraggio di Deutsche Bank:

1.) BlackRock, Inc.

È? Il più grande asset manager del mondo con 6,2 trilioni di euro di asset in gestione.

Quanto tiene? 3,7%. Includendo altri strumenti finanziari, la cifra raggiunge il 5,2%.

Da quando? La soglia del 3% è stata superata per la prima volta nel 2009.

A quale corso? Non può essere determinato con precisione, ma a tassi significativamente più elevati rispetto a oggi. Perché: nel 2009 il tasso di cambio della Deutsche Bank ha oscillato tra 13 euro e 39 euro.

Strategia dietro? Non uno dedicato. Blackrock detiene le azioni della Deutsche Bank principalmente in via fiduciaria e quasi “automaticamente” sulla base della sua forte posizione nel mercato degli ETF.


2.) The Capital Group Co.

È? Una società di fondi statunitense con 1,7 trilioni di euro di masse gestite.

Quanto tiene? Diciamo questo: hai già dato il 3,7%, ma a quanto pare da solo con uno dei suoi fondi – l’Euro Pacific Growth Fund – ha superato la soglia del 3% il 6 ottobre, e quindi ha avuto diritto di voto speciale. Ciò significa: la società ha già aumentato la sua esposizione alle azioni di Deutsche Bank, perché il fondo da solo detiene ora il 3,6% di tutte le azioni di Deutsche Bank. Tuttavia, la somma dell’impegno DB di questo fondo di investimento individuale del valore di circa 21 miliardi di EUR e delle altre azioni di Deutsche Bank nel gruppo Capital si traduce in un totale compreso tra il 3 e il 5% in Deutsche Bank (probabilmente poco meno del 5%, vedi anche qui ).

Da quando? Il gruppo Capital ha superato la soglia del 3% il 31 gennaio 2020 e l’aumento, che ha portato a un altro rapporto, è stato completato il 6 ottobre.

A quale corso? Il prezzo esatto di acquisto non può essere determinato, ma al momento del raggiungimento della soglia il prezzo era di 8,24 euro a fine gennaio e ora a inizio ottobre 7,60 euro *

Strategia dietro? La società statunitense è un investitore attivo (ma non attivista) a lungo termine che crede che la banca sia fondamentalmente sottovalutata. Il gruppo Capital non ha commentato la sua partecipazione, ma è interessante notare che sta pianificando un’espansione in Germania e ha aperto un ufficio a Francoforte nel 2019.


3.) Hudson Executive (Douglas L. Braunstein)

È? Un hedge fund statunitense gestito dall’ex CFO di JP Morgan Douglas Braunstein.

Quanto tiene? 3,1%.

Da quando? Superato il 3% a fine ottobre 2018.

A quale corso? Circa 8,50 euro.

Strategia dietro? Braunstein è un grande fan del capo della Deutsche Bank Christian Sewing e l’anno scorso ha elogiato il suo “riposizionamento” dell’istituto (il resto del mondo è noto per dire “ristrutturazione” a ciò che fa Sewing, ma Braunstein idT parla consapevolmente di “riposizionamento” ). Dopo l’elogio citato, non c’è stato molto da sentire da Braunstein, a parte il fatto che il “Financial Times” (Paywall) alla fine del 2019 ha dichiarato di avere una certa distanza critica dal presidente del consiglio di sorveglianza, Paul Achleitner.


4.) Paramount Services Holding

È? Un veicolo di investimento dello sceicco qatarino Hamad bin Jassim bin Jaber al-Thani.

Quanto tiene? 3,1%.

Da quando? Maggio 2014. Paramount è stata coinvolta nel corso di un aumento di capitale.

A quale corso? 29,20 euro

Strategia dietro? Oltre a Deutsche Bank, lo sceicco ha acquistato anche quote di VW, Siemens, la squadra di calcio del Paris St. Germain, la gioielleria Tiffany e i grandi magazzini Harrods a Londra. È una strategia? Forse più politico.


5.) Supreme Universal Holding

È? Un secondo veicolo di investimento dello sceicco qatarino Hamad bin Jassim bin Jaber al-Thani.

Quanto tiene? 3,1%.

Da quando? Anche nel maggio 2014.

A quale corso? 29,20 euro.

Strategia dietro? Vedi sopra.


6.) Cerberus Partners

È? Un investitore attivista statunitense o un hedge fund guidato da   Stephen A.  Feinberg.

Quanto tiene? 3%

Da quando? La soglia è stata superata nel novembre 2017

A quale corso? All’epoca: circa 15 euro

Strategia dietro? Cerberus è entrato a far parte di Commerzbank nell’estate del 2017, quindi a quanto pare credeva fermamente in un ritorno delle due principali banche tedesche all’epoca. I tre calcoli immaginabili alla base di questo: 1.) Entrambi offrivano un “potenziale di ristrutturazione”, 2.) avrebbero beneficiato di un’inversione di tendenza dei tassi di interesse che era calda all’epoca, e 3.) Cerberus sperava anche in mandati di consulenza da Deutsche Bank. Questo – controverso – doppio ruolo è terminato nel 2019.

* Per chi ama i numeri: è ovviamente concepibile che un investitore detenga azioni appena al di sotto della soglia di segnalazione per un lungo periodo e poi salga “sopra” con pochi acquisti, quindi il prezzo di acquisto effettivo effettivo è ovviamente completamente diverso dal prezzo il giorno in cui è stata raggiunta la soglia – Di norma, tuttavia, la relazione dovrebbe fornire una buona indicazione del prezzo di acquisto approssimativo.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.