McKinsey: una pmi europea su dieci rischia il default (MF)

Fonte: MF Dow Jones (Italiano)

LE PICCOLE E MEDIE AZIENDE EUROPEE SONO IN DIFFICOLTÀ E 

I LORO IMPRENDITORI DUBITANO DI RIUSCIRE A RESISTERE ALLA PEGGIOR CRISI 

ECONOMICA DAL DOPOGUERRA. SECONDO UN SONDAGGIO DI MCKINSEY FRA 2.200 PMI 

(IN ITALIA, FRANCIA, GERMANIA, SPAGNA E REGNO UNITO), UNA SU 10 PREVEDE DI 

DICHIARARE FALLIMENTO ENTRO FINE ANNO. 

IL DATO, SI LEGGE SU MF, È OMOGENEO NEI CINQUE PAESI ANALIZZATI, MA IN 

ITALIA E IN FRANCIA LA PREOCCUPAZIONE È FORTE SOPRATTUTTO FRA LE AZIENDE 

DI MAGGIORI DIMENSIONI (FRA 50 E 249 DIPENDENTI) CHE IN UN QUARTO DEI CASI 

PREVEDONO DI PORTARE I LIBRI IN TRIBUNALE ENTRO 6 MESI. QUANTO AI SETTORI, 

IL 22% DELLE AZIENDE DELLA LOGISTICA RITIENE LA PROPRIA SITUAZIONE DI 

BILANCIO PRECARIA E IL RISCHIO DI DEFAULT È AVVERTITO ANCHE 

NELL’AGRICOLTURA (15%), NEL TURISMO (14%) E NEL COMMERCIO AL DETTAGLIO 

(14%). L’IMPATTO DELLA PANDEMIA SUI RICAVI È STATO FORTE PER LA STRAGRANDE 

MAGGIORANZA DELLE PMI EUROPEE: IN ITALIA IL 50% LAMENTA UN CALO DEL GIRO 

D’AFFARI E IL 30% SEGNALA UN TRACOLLO. LE ASPETTATIVE DI RECUPERO PER I 

PROSSIMI MESI SONO SCARSE: IL 90% DEGLI IMPRENDITORI ITALIANI INTERVISTATI 

DA MCKINSEY CONSIDERA DEBOLE O MOLTO DEBOLE L’ECONOMIA NAZIONALE 

NONOSTANTE GLI SPIRAGLI APERTI DALLA RIDUZIONE DEI CONTAGI IN ESTATE. 

red/lab 

MF-DJ NEWS 

2308:52 ott 2020 

(END) Dow Jones Newswires

October 23, 2020 02:54 ET (06:54 GMT)