Cdp-Aspi: va ai supplementari (MF)

Fonte: MF Dow Jones (Italiano)

La voglia di arrivare a un accordo c’è, ma il diavolo sta nei dettagli e per questo oggi i consiglieri di Atlantia vaglieranno con attenzione la proposta recapitata ieri sera da Cassa Depositi e Prestiti per l’acquisto dell’88% di Autostrade per l’Italia. 

Molte delle richieste della holding sono state disattese. La proposta fatta pervenire dalla società guidata da Fabrizio Palermo non è infatti effettivamente vincolante (come invece aveva chiesto Atlantia) in quanto subordinata alla due diligence e anche sul prezzo si potrebbe discutere. La forchetta di valutazione del 100% di Aspi non è stata modificata al rialzo rispetto alla prima indicata (8,5-9,5 miliardi) come invece si attendeva, ma sarà soggetta a una serie di modifiche, anche al ribasso, a seconda delle variabili che emergeranno, sempre nel corso della due diligence prospettata. 

Il consorzio formato da Cdp, Blackstone e Macquarie «a valle dell’offerta già inviata ha compiuto uno sforzo significativo per approfondire gli aspetti valutativi» di Aspi. La proposta presentata «confermando la forchetta di prezzo già indicata in precedenza, sottopone un’offerta ancor più dettagliata che, se accolta, porterà all’individuazione di termini, condizioni e prezzo definitivi dell’operazione a seguito di una due diligence di 10 settimane. Per fornire ad Atlantia «tempestiva visibilità sull’andamento delle valutazioni, il percorso indicato prevede un primo riscontro sugli esiti della due diligence da parte del consorzio dopo 4 settimane dal suo avvio». Inoltre, qualora nell’ambito dell’operazione i soci di minoranza di Aspi (Allianz e Silk Road) preferiscano esercitare il diritto di co-vendita delle loro azioni «è previsto che il consorzio possa acquistare fino al 100% di Aspi». Il veicolo che procederà all’acquisto (Bidco) sarà controllato al 40% da Cdp e «inizialmente» al 30% ciascuno da Blackstone e Macquarie. 

La governance prevederà che il presidente di Bidco e di Aspi (eventualmente acquistata) venga nominato dalla Cassa come l’ad (ma quest’ultimo dovrà avere il gradimento dei fondi) mentre il cfo dovrebbe essere indicato dai soci esteri. L’operazione prevede anche la possibilità di ingresso di altri investitori nella compagine azionaria di Bidco (si è parlato ad esempio di F2i) e un lock up sulle rispettive partecipazioni da parte dei soci di 5 anni. La palla a questo punto passa ad Atlantia, che ha convocato per oggi il suo board. 

fch 

(END) Dow Jones Newswires

October 28, 2020 03:18 ET (07:18 GMT)